• pubblicato il 21-07-2011

Revocato lo sciopero dei benzinai

Il comunicato del Coordinamento Nazionale Unitario di Faib e Fegica

Lo sciopero dei benzinai previsto per la prossima settimana (27 e 28 luglio) è stato revocato. La protesta era di risposta alla manovra di Governo che prevederebbe la chiusura di una buona parte dei distributori italiani per far abbassare il prezzo dei carburanti, oltre al rafforzamento del monopolio dei petrolieri. Fortunatamente per gli automobilisti italiani la contestazione è stata scongiurata. Queste alcune parti del comunicato del Coordinamento Nazionale Unitario di Faib e Fegica:

«L’iniziativa di sciopero proclamata per la prossima settimana dal Coordinamento Nazionale Unitario di Faib e Fegica, contestando le misure assunte dal Governo che rafforzano il monopolio dei petrolieri, per sostenere l’iter parlamentare della riforma del settore e consentire di abbassare i prezzi dei carburanti su tutta la rete, è stato sospesa. La decisione è stata assunta rispondendo positivamente all’invito pressante della Commissione di garanzia per lo sciopero nei pubblici servizi e per dare il giusto riconoscimento e maggiore forza al tentativo di conciliazione della vertenza con il Governo annunciato nelle scorse ore dalla Commissione stessa.

Pur in presenza di una gravissima iniziativa nei confronti delle piccole imprese di gestione e delle centinaia di migliaia di cittadini che hanno sottoscritto il progetto di legge 'Libera la benzina!', promosso insieme alle associazioni dei consumatori, a Cisl e a Confesercenti, assunta dal Governo allo scopo di proteggere le rendite di posizione di petrolieri e retisti e 'punire' una categoria proprio per aver 'osato' metterle in discussione, i Gestori hanno deciso di dare una nuova prova del loro senso di responsabilità, rimuovendo una possibile causa di disagio verso gli automobilisti.

Proprio in questa ottica -conclude la nota- il Coordinamento Nazionale Unitario di Faib e Fegica annuncia di avere dato la propria adesione all’iniziativa del 25 luglio prossimo, promossa dalla Fita CNA (alle 12.00 tutti gli automobilisti sono invitati a suonare il clacson), per avanzare in modo, forte e pacifico, la richiesta al Governo di rimuovere il consistente peso dai prezzi dei carburanti costituito da una lunga serie di 'accise dimenticate' e compensare, in questo modo, gli iniqui e consistenti aumenti introdotti nelle ultime settimane».



Revocato lo sciopero dei benzinai

L'opinione dei lettori