• pubblicato il 09-10-2013

Aston Martin Cygnet: la city car di lusso ingelse esce di produzione

di Junio Gulinelli

La piccola city car inglese (derivata dalla Toyota IQ) esce di scena e va fuori produzione quest'anno. Per molti c'era da aspettarselo.

Addio Aston Martin Cygnet.

La piccola city car di lusso della firma di Gaydon uscirà di produzione quest'anno. La notizia è stata confermata dalla portavoce della marca inglese, Sarah Calam.

Un fallimento annunciato

Non lascia troppo sorpresi questa uscita di scena della Toyota IQ mascherata da Aston Martin che, per quanto fosse rivestita con materiali di alta qualità, non ha mai convinto il mercato per il suo prezzo spropositato. C'era da spettarselo, qualcuno direbbe.

E, tra l'altro, neanche motoristicamente parlando la Aston Martin Cygnet è mai stata all'altezza del suo cognome, visto che a spingerla è sempre rimasto il modestissimo 1.3 a benzina da 98 CV.

Quando sbarcò sul mercato nel 2011, Aston Martin si prefisse come obiettivo 4.000 unità vendute all'anno. Ma, per quanto il marchio di lusso inglese abbia provato a proporla come seconda auto esclusiva (alla modica cifra di oltre 40.000 euro), il bersaglio è stato mancato, e di molto.

Cosa si acquista pratricamente alla stessa cifra

Tanto per fare un termine di paragone: volendo rimanere sull'esclusività e lusso inglese, aggiungendo circa 7.000 euro (ai 41.000 circa previsti per la Cygnet) si acquista una Jaguar XF (a partire da 47.850 euro), praticamente allo stesso prezzo una Lotus Elise (da 38.660 euro), a qualche migliaia di euro in meno una Range Rover Evoque (da 35.695 euro).

Aston Martin Cygnet: la city car di lusso ingelse esce di produzione

L'opinione dei lettori