• pubblicato il 30-08-2016

BMW Z4: la roadster bavarese va in pensione

di Junio Gulinelli

Prodotto l'ultimo esemplare della due posti cabrio di Monaco. Ma nel 2018 dovrebbe arrivare la Z5

Dopo 115.000 unità fabbricate presso gli stabilimenti di Regensbug (Germania), la BMW Z4 se ne va in pensione. La roadster bavarese è stata per molti anni uno dei modelli più caratteristici della firma di Monaco, nata nel 2002 e arrivata alla seconda generazione nel 2009. Lunedì scorso ha detto addio alla catena di produzione.

A mettere il punto che segna la fine della produzione della BMW Z4 è stata una sDrive35i con carrozzeria in arancione metallizzato (Valencia Orange Metallic) che sotto il cofano monta il sei cilindri in linea da 3.0 Litri (N54), adottato anche dalla 1M Coupé.

Negli ultimi anni la domanda di questo tipo di auto è andata decrescendo in maniera importante, nel caso della Z4 anche a causa della scelta del tetto rigido. Per gli appassionati di questa categoria di piccole sportive divertenti a cielo aperto, però, la consolazione arriva dal nuovo progetto che BMW sta portando avanti in collaborazione con Toyota, ovvero l'erede della BMW Z4.

L'erede avrà il tetto in tela, pronta nel 2018

Sembra che la denominazione della futura due posti cabrio bavarese sarà BMW Z5 e al posto del hard-top monterà una capote in tela, scelta più popolare su un'auto del genere e sicuramente anche più benefica in termini di peso. BMW non ha ancora svelato nulla di ufficiale sulla possibile erede della Z4 anche se alcuni muletti di prova sono stati già sorpresi in fase di collaudo su strada (gallery a destra).

Per quanto riguarda i tempi, ci si aspetta che la nuova BMW Z5 – che condividerà la piattaforma con la nuova Toyota Supra - sarà svelata a metà del 2017, per sbarcare poi sul mercato nel corso del 2018.

TAG

BMW Z4: la roadster bavarese va in pensione

L'opinione dei lettori