• pubblicato il 25-06-2013

Buick: Adam e Cascada attraversano l'oceano e sbarcano negli Usa

A Dan Akerson piacciono le Opel, a tal punto che le vuole negli States.

È la notizia del momento che sta circolando su tutto il web: sembra che Dan Akerson (Ceo di General Motors) sia ormai convinto a voler fare del marchio Buick la Opel statunitense, condividendo modelli e progetti con la firma tedesca per ridurre i costi.

Ma fino a dove può arrivare questa operazione di mercato? Per ora c'è la Insignia condivisa, ma Akerson sembrerebbe avere ambizioni più ampie: portare anche la Opel Cascada e la Adam negli States.

Le incognite d'oltre Oceano

Ma la cosa non sembrerebbe però poi così facile e scontata. Entrambi i due modelli, Cascada e Adam, sono stati progettati per rientrare nelle normative di omologazione europee, quindi adattarle agli standard d'oltre oceano avrebbe comunque dei costi considerevoli.

Altra incognita sta naturalmente nella incerta risposta del mercato USA, dove tra l'altro la Adam andrebbe a competere con la Fiat 500 e con la Mini. A queste ultime, tra l'altro, è già costato non poco sforzo trovare la loro fetta di mercato e convincere gli yankee che si possono fare, e comprare, anche auto piccole.

Ad ogni modo esportare due auto come la Cascada e la Adam in Nordamerica sarebbe, se fatto con successo, una maniera alternativa per incrementare la produzione negli stabilimenti europei dando un po' di respiro a GM Europa, che non se la sta passando poi così bene ultimamente.

Buick: Adam e Cascada attraversano l'oceano e sbarcano negli Usa

L'opinione dei lettori