• pubblicato il 19-07-2012

Chevrolet Camaro 1LE: il pack da pista per la muscle car americana

di Junio Gulinelli

Il nuovo pacchetto da pista della muscle car americana nella versione SS

Era stata annunciata a marzo di quest'anno, ora è stata svelata in tutta la sua prestanza con una galleria di foto spettacolari, la nuova Chevrolet Camaro 1LE, il pacchetto sportivo “pronto pista” della muscle car Yankee.

Pensata per gli appassionati dell'asfalto veloce, e delle gare “amteur” ha prestazioni più brillanti della Camaro di serie e si inserisce in gamma tra la Camaro SS e la “top” Camaro ZL1. (di fatto la 1LE non è altro che un pacchetto opzionale per la SS).

Tecnica pronto pista

La Chevrolet Camaro 1LE è equipaggiata con un cambio manuale a sei marce (Tremec TR6060) più rapido e dispone di un sistema di raffreddamento a liquido più efficace per i possibili surriscaldamenti da circuito.

Dal punto di vista tecnico, poi, per diminuire i movimenti della sospensione, la Casa del Cravattino ha inserito ammortizzatori mono tubo a differenza di quelli doppi della Camaro di serie.

Altro accorgimento riguarda sempre l'ottimizzazione dell'assetto da pista attraverso l'uso di barre stabilizzatrici di maggiori proporzioni agli estremi della vettura, da 27 mm all’anteriore e da 28 mm al posteriore, un nuovo differenziale posteriore per aumentare la trazione e pneumatici maggiorati ad alte prestazioni Goodyear Eagle Supercar G:2 da 285/35.

Rimane identico alla Camaro SS il motore, il V8 LS3 da 6.2 litri capace di 426 cavalli.

Vestito da corsa

Esteticamente, il pacchetto della Camaro 1LE sfoggia un bel tocco “racing” grazie al cofano e agli spoiler anteriore e posteriore verniciati a contrasto in nero lucido. Allo stesso modo l'abitacolo riflette l'uso da competizione di questa versione della muscle car americana con volante, plancia e cambio in pelle, ereditati dalla sorella maggiore ZL1.

Il prezzo? Si parla di circa 40.000 dollari per il mercato americano, a cui è destinata.

Chevrolet Camaro 1LE: il pack da pista per la muscle car americana

L'opinione dei lettori