• pubblicato il 07-11-2012

Chevrolet Cruze: la produzione si sposterà dalla Corea all'Europa

General Motors lascia la Corea. E produrre in Europa diventa la strategia contro la crisi nel vecchio continente.

Lo ha confermato General Motors e a diffondere la notizia è stato un comunicato Reuters: la prossima generazione della compatta di Casa Chevrolet, la Cruze, che attualmente è prodotta tra Nordamerica e Corea, non sarà più costruita nel paese asiatico.

L'attenzione ora sembra puntata sull'Europa come possibilissimo candidato geografico dove trasferire la produzione della vettura globale del Cravattino che potrebbe, a questo punto, andare ad implementare la capacità produttiva di Opel (che fa capo al Gruppo General Motors).

Un aiuto per General Motors Europe

Sarebbe, questa, una soluzione per potenziare l'utilizzo di risorse europee da parte di General Motors ancora non sfruttate a pieno e che per questo costano al Gruppo General Motors Europe perdite milionarie (il 2012 potrebbe chiudere con un passivo di 1,8 miliardi di euro).

Rimarrà però così un vuoto, non si sa ancora come colmato, della capacità produttiva che si libererà in Corea dove Chevrolet è attualmente occupata al 50% con la Cruze (260.000 auto l'anno).

La nuova generazione della compatta targata Chevrolet dovrebbe  arrivare sul mercato verso la fine del 2014 inaugurando la nuova piattaforma che verrà utilizzata a breve termine da tutto il Gruppo GM e, forse, anche dal Gruppo PSA.

Produrre in Europa: la strategia contro la crisi

Diventano, dunque, già due i grandi gruppi automobilistici (qualche giorno fa lo ha annunciato anche Marchionne per Fiat) a spostare la produzione in Europa per contrastare la devastante crisi che sta colpendo il mercato auto nel vecchio continente.

Chevrolet Cruze: la produzione si sposterà dalla Corea all'Europa

L'opinione dei lettori