• pubblicato il 15-03-2012

Daimler, Volkswagen e BMW: 2011 in crescita, i tedeschi non sentono la crisi?

Crisi o non crisi? I tedeschi volano, 2011 ancora in crescita per i gruppi Daimler e Volkswagen, annata record per BMW

Fino a poche settimane fa l’Europa intera sembrava trovarsi sull’orlo del baratro, la morsa della crisi non molla ma il mercato auto, almeno quello tedesco, sembra immune al deficit economico del vecchio continente. I numeri sono positivi per i  maggiori gruppi tedeschi, Volkswagen e Daimler che chiudono il 2011 entrambi in crescita, BMW che ha fatto registrare il miglior anno della sua storia. Unico dato in negativo: le vendite sul mercato Europeo, li la crisi si sente. Crescono invece tutti gli altri mercati internazionali.

Gruppo Volkswagen, numeri da gigante

Volkswagen nel 2011, ha incrementato il proprio fatturato del +25,6% raggiungendo quota 159,3 miliardi di Euro contro i 126,9 miliardi del 2010. +14,7% è l’’incremento delle vetture vendute, che per la prima volta nella storia del gruppo superano gli otto milioni di unità con 8,3 milioni di auto vendute in tutto il mondo. Risultato, questo, che ha reso più corposa la quota di mercato del gruppo a livello mondiale nel settore delle auto destinate al trasporto di passeggeri, passando dal 11,3% del 2010 al 12,3% del 2011.

Volkswagen – VW rimane il marchio trainante del gruppo con 5,1 mln di vetture consegnate con un incremento del 13,1% rispetto all’anno precedente. Superato per la prima volta il tetto dei 5 milioni.

Audi -  La Casa dei Quattro anelli ha venduto nel 2011 circa 200.000 vetture in più passando da un totale di 1,1 milioni di unità consegnate nel 2010 a 1,3 milioni nel 2011. L’utile operativo del marchio è così cresciuto del 60,1% passando da 3,3 miliardi di Euro (2010) a 5,3 miliardi (2011).

SkodaI mercati russo, indiano e cinese hanno contribuito alla crescita del marchio ceco che nel 2011 ha venduto 879.000 auto, il 15,3% in più rispetto al 2010 quando di auto ne aveva vendute 763.000. L’utile operativo è passato così da 447 milioni di Euro a 743 milioni, +66,1%.

SeatIl marchio spagnolo è quello cresciuto meno, ma comunque chiude il 2011 in positivo con un +3,1% di vendite che passano dalle 340.000 unità vendute nel 2010 alle 350.000 auto consegnate lo scorso anno.

Gruppo Daimler

Molto simile a quello di Volkswagen è il dato di chiusura anno (2011) anche per Daimler che lo scorso hanno ha aumentato il proprio fatturato del +24% incrementando le vendite dell’11% con 2,1 milioni di unità vendute in tutto il mondo.

Il migliore del gruppo è stato il marchio Mercedes che, da solo, ha venduto 1.260.912 auto con una crescita record del +8% rispetto al 2008. Del marchio della Stella a Tre Punte la più venduta nel mondo è stata la Classe C (401.340 unità), seconda la Classe E (338.386 unità). Una buona fetta di mercato se la sono aggiudicata anche i SUV del brand che nel complesso hanno venduto 248.574 unità.

La Smart ha superato il traguardo delle 100.000 unità vendute (con la Smart ForTwo), con 101,996 macchine consegnate e una crescite delle vendite pari al +4.6%. In coda il marchio di nicchia Mybach che nel 2011 ha venduto 200 veicoli, superando il dato del 2009 e del 2010.

La Cina è stata la regione geografica dove il Gruppo è cresciuto di più con 193.339 veicoli consegnati (+30,6%). Bene in generale anche nei paesi orientali con 29,058 unità vendute in Russia (+47.3%) e in India dove sono state vendute 7,089 unità (+22.7%). Le vendite in Brasile sono cresciute di un ottimo +35,3% con 10.197 veicoli. Dei mercati esteri è però quello Usa a rimanere il migliore con 245.231 veicoli venduti, pari a un +13,3%.

L’unico dato negativo è quello relativo all’Europa, e qui si che la crisi si fa sentire. In Germania, nel 2011, sono state vendute 262.256 auto contro le 265.000 del 2010. Nel resto d’Europa il dato aggregato è sempre negativo: 289.285 auto vendute nel 2011, 291.853 nel 2010. Unico controcorrente nel vecchio continente è il mercato inglese dove le vendite sono invece cresciute del 10,1%. Le speranze di Mercedes per il 2012, ora, sono tutte riposte nelle nuova Classe A e Classe B.

Dell’altro grande Gruppo tedesco, BMW, ne avevamo già parlato a proposito dell’annata record del 2011.

Daimler, Volkswagen e BMW: 2011 in crescita, i tedeschi non sentono la crisi?

L'opinione dei lettori