marchionne
  • pubblicato il 06-05-2014

Fiat Chrysler Automobiles: il giorno della verità. Si svela il piano industriale

di Junio Gulinelli

Oggi Sergio Marchionne svelerà il piano industriale del Gruppo globale. Tra gli obiettivi: 6 mln di auto l'anno e scorporazione di Alfa Romeo

Per l'industria automobilistica, prima di tutto italiana e poi anche globale, quella di oggi è una data “biblica”. Come fece nel 2009, Sergio Marchionne porrà un'altra pietra miliare (la seconda) sul cammino del Gruppo Fiat Chrysler Automobiles, svelando l'attesissimo piano industriale del rilancio.

Cinque anni fa l'Ad del lingotto illustrava la sua visione per il futuro indicando, in lontananza, la fusione con Chrysler, avvenuta per intero quest'anno con l'acquisizione totale, e che allora iniziava la sua concretizzazione con il salvataggio dal fallimento attraverso un primo acquisto del 35% della società nordamericana.

Oggi, alle 12.30 ora italiana (8.30 del mattino a Detroit) i riflettori di tutto il mondo saranno di nuovo puntati sul quartier generale di Chrysler, presso Auburn Hills, nel secondo edificio più grande degli Stati Uniti dopo il Pentagono.

I lavori inizieranno con la presentazione degli obiettivi industriali quinquennali dei diversi brand del Gruppo e con i risultati del primo trimestre 2014. Poi si passerà ai punti caldi.

La scorporazione di Alfa Romeo

Quello più “bollente” riguarderà il rilancio del marchio Alfa Romeo per il quale, come anticipato da Automotive News, è stata quasi sicuramente pensata una scorporazione da Fiat per diventare un brand autonomo. Come Ferrari e Maserati per intenderci. L'obiettivo del Biscione è diventare la spina nel fianco delle premium tedesche.

Oltre alla nuova Jeep Renegade, già svelata al Salone di Ginevra 2014, allo stabilimento di Melfi sarà destinata la produzione di 5 nuove Alfa Romeo, di cui sicuramente quattro (la Giulia berlina e station wagon, un'ammiraglia e un Suv) saranno basate su una nuova architettura tuttora in fase di studio a Modena. La prima di queste dovrebbe arrivare già nel 2015.

Rimane ancora l'interrogativo per gli stabilimenti di Cassino (dove oggi si produce la Giulietta) e Mirafiori. L'obiettivo del Biscione sarà comunque di 500.000 vetture l'anno entro il 2016. In prospettiva questo dovrebbe bastare a risollevare il marchio italiano attualmente in crisi, con le vendite ai minimi storici (74.000 unità nel 2013).

Obiettivo 6 milioni di auto l'anno

Rispetto, più in generale, agli obiettivi del gruppo, Sergio Marchionne aveva già accennato recentemente ad un target, previsto per il 2018, di sei milioni di unità prodotte all'anno. Un passo avanti epocale considerati gli attuali volumi produttivi a 4,2 milioni di auto l'anno.

A proposito di Renegade, poi, per Jeep è previsto un ambiziosissimo raddoppio delle vendite globali che rappresenterebbe un'ulteriore accelerata per il brand che già lo scorso anno aveva raggiunto lo storico record di 731.000 unità vendute. L'espansione di Jeep riguarderà soprattutto lo sbarco della produzione in Cina grazie ad un prezioso accordo di collaborazione con Gac (Guangzhou Automobile Company).

Fiat Chrysler Automobiles: il giorno della verità. Si svela il piano industriale

L'opinione dei lettori