• pubblicato il 12-10-2012

Fiat, dieci milioni di vetture prodotte in Polonia

La decimilionesima auto è una Fiat 500C Lounge rossa abbinata al 1.2 benzina

Diecimilioni di vetture prodotte da Fiat in Polonia. È il risultato (odierno) del lavoro svolto da 41 anni dal marchio italiano presso l'ex stabilimento FSM di Bielsko-Biala e nella fabbrica Auto Poland di Tichy.

La decimilionesima vettura prodotta, che sarà destinata al mercato tedesco, è una Fiat 500C Lunge di colore Rosso Corsa ed equipaggiata con il propulsore 1.2 benzina.

Lo stabilimento di Bielsko-Biala

L'inizio della produzione in Slesia risale al 1971,quando dalle linee di montaggio dell'ex stabilimento FSM di Bielsko-Biała venivano realizzate le prime vetture Syrena.

Nel 1973, in seguito alla licenza di produzione acquistata dal governo polacco, nella stessa fabbrica si cominciarono a sfornare le Fiat 126. Dalla fine del 1971 fino a settembre del 2000, quando la produzione fu spostata allo stabilimento di Tychy, dall'impianto di Bielsko-Biała sono uscite ben 1.722.596 unità tra i modelli Fiat 126, 127, Uno, Siena e Palio Weekend.

Lo stabilimento di Tychy

La produzione nello stabilimento di Tychy è iniziata nel settembre del 1975 quando uscirono le prime  "Maluch" (Fiat126p). Nel corso degli anni l'impianto si è aggiornato, diventando uno dei più moderni ed avanzati nella industria automobilistica internazionale. Basti pensare che oggi la sua organizzazione è conforme agli standard mondiali WCM (Word Class Manufacturing).

Nei suoi 37 anni di attività, lo stabilimento di Tychy - che fino a maggio del 1992 faceva parte della vecchia FSM ed attualmente è uno degli stabilimenti Fiat - ha prodotto 8.277.404 unità. I modelli Fiat prodotti sono stati la 126, la Uno/Innocenti, la Siena, la Palio Weekend, la Cinquecento, la Seicento, la Panda, la 500 (berlina, Cabrio e Abarth), oltre alla Lancia Ypsilon e alla Ford KA. Inoltre, qui sono stati "assemblati" il Ducato, la Punto, la Bravo/Brava e la Marea.

Fiat, dieci milioni di vetture prodotte in Polonia

L'opinione dei lettori