Ford
  • pubblicato il 07-10-2016

Ford rivela le cattive abitudini dei giovani al volante

Usano il cellulare alla guida, si mettono al volante dopo aver assunto alcolici e non solo. Ford propone il corso gratuito di guida responsabile

L’incidente stradale è la prima causa di mortalità per i più giovani, lo dicono le statistiche.

Eppure molti studenti universitari, per loro stessa ammissione, utilizzano il cellulare mentre guidano, non rispettano i limiti di velocità e si mettono al volante dopo aver assunto bevande alcooliche.

È quanto emerge da un sondaggio effettuato da Ford su 6.500 giovani tra i 18 e i 24 anni in Italia, Regno Unito, Germania, Francia e Spagna.

In Italia si utilizza il cellulare alla guida

Il 57% degli intervistati dichiara, appunto, di aver più volte superato i limiti di velocità consentiti, il 43% di aver inviato messaggi di testo e il 36% di aver effettuato telefonate mentre era alla guida, il 16% di aver guidato senza allacciare le cinture di sicurezza, il 15% di essersi scattato un selfie e il 13% di essersi messo al volante dopo aver assunto alcoolici.  

In Europa, gli studenti italiani sono quelli che utilizzano maggiormente il cellulare alla guida (49%), i tedeschi quelli che meno rispettano i limiti di velocità (70%), e i francesi e gli spagnoli quelli che più di altri si mettono al volante dopo aver bevuto (18%).

Driving Skills For Life

Ford attraverso il programma Driving Skills For Life offre, in 13 paesi europei, corsi gratuiti di guida responsabile per i giovani under 25; entro la fine del 2016 si prevede di raggiungere quota 20.000 partecipanti dal lancio del 2013.

Le prossime tappe italiane del DSFL si terranno a Milano il 18-19 ottobre a Rho Milano Fiera e, per la prima volta da quando il programma è arrivato in Italia, a Palermo il 27-28 ottobre presso la Facoltà di Ingegneria dell’ateneo palermitano; per partecipare basta registrarsi all’indirizzo www.drivingskillsforlife.it scegliendo la tappa e la sessione fra quelle disponibili nel calendario.

Ford rivela le cattive abitudini dei giovani al volante

L'opinione dei lettori