Ford
  • pubblicato il 02-10-2015

Ford, tecnologie spaziali per l’auto del futuro

Ford Motor Company e il Politecnico di San Pietroburgo sono giunti all’ultima fase di sperimentazione di un progetto su larga scala che studia l’applicazione, a bordo delle auto, di tecnologie di comunicazione spaziale sviluppate per il controllo a distanza di robot

Tecnologie di comunicazione spaziale sviluppate per il controllo a distanza di robot a bordo di un auto?

Ford e il Politecnico di San Pietroburgo ci stanno lavorando in un progetto.

“L’industria dell’auto e quella aerospaziale condividono una sfida importante: sviluppare un network di comunicazione solido e flessibile”, ha spiegato Oleg Gusikhin, leader tecnico per i servizi avanzati di connettività, di Ford.

“I risultati già ottenuti con le prime fasi della sperimentazione sono molto promettenti e ci permetteranno di realizzare tecnologie di comunicazione di nuova generazione per i futuri veicoli connessi.”

Veicoli connessi tra di loro e con le infrastrutture

Il progetto si basa sulla stabilizzazione dei flussi d’informazione che mettono in contatto i dispositivi con i server cloud anche nelle condizioni più difficili, per esempio nelle comunicazioni a lunga distanza e durante le congestioni di rete.

In queste situazioni, la trasmissione dei dati da e verso lo spazio condivide diversi elementi con lo scenario futuro, in cui i veicoli connessi dovranno essere in grado di collegarsi tra loro e con le infrastrutture indipendentemente dalla distanza e dall’affollamento.

Nel corso della sperimentazione, i prototipi sviluppati sono stati dotati di differenti tecnologie di rete wireless, come quella cellulare e quella Wi-Fi, e collegati tramite un software intelligente per la gestione della connettività che seleziona in tempo reale quale canale utilizzare in base alle condizioni della rete, passando fluidamente da una modalità all’altra senza perdita di informazioni.

In futuro, il volume di informazioni trasmesse da centinaia di veicoli richiederà un network efficiente e stabile. La mappa della copertura, aggiornata in tempo reale in base al traffico, sarà il database in base al quale si potrà sviluppare al meglio l’infrastruttura di supporto alla connettività delle smart city di domani.

“I primi risultati della sperimentazione ci indirizzano verso lo sviluppo di soluzioni scalabili, versatili e ad alta affidabilità che aprono ampi scenari di applicazioni future”, ha dichiarato Vladimir Zaborovsky, che guida il dipartimento di telematica del Politecnico di San Pietroburgo.

“Guardiamo avanti per continuare ulteriormente la sperimentazione assieme ai nostri colleghi di Ford”. I risultati del progetto potranno essere utilizzati per lo sviluppo di nuove tecnologie per futuri veicoli connessi, per servizi come l’invio di messaggi di emergenza, di aggiornamenti sulla situazione delle strade e del traffico, o il trasferimento di aggiornamenti software.

Ford, tecnologie spaziali per l’auto del futuro

L'opinione dei lettori