Google Pedestrian Security
  • pubblicato il 20-05-2016

Google: nuovo brevetto salva pedone

di Junio Gulinelli

Una superficie adesiva, tipo carta moschicida, trattiene il pedone sul cofano dell'auto evitando di sbalzarlo sull'asfalto

Se l'auto a guida autonoma è il futuro delle quattro ruote, Google scommette che la sua sarà molto più sicura rispetto alle auto di oggi, esposte all'errore umano.

 Secondo Mountain View, la Google Car, che dovremmo vedere entro il 2020, ridurrà drasticamente il numero delle vittime della strada.

 Questo, però, non significa che non ci saranno più incidenti, i pedoni, d'altronde, possono saltar fuori in qualsiasi momento.

 Proprio per la loro salvaguardia il gigante dell'informatica californiano avrebbe brevettato un rivoluzionario sistema di sicurezza attiva che prevede il rivestimento del cofano dell'auto con una superficie adesiva che dovrebbe bloccare il pedone investito.

 Il brevetto, registrato questa settimana, si comporterebbe come una sorta di carta moschicida in grado di trattenere il corpo dell'investito evitando alla vittima di rimbalzare sull'auto e di essere scaraventata sull'asfalto.

 “In caso di collisione tra un veicolo e un pedone” - si legge sul brevetto - “le lesioni sono spesso causate, non solo dall'impatto iniziale con l'auto, ma anche da un secondo impatto tra il pedone e la superficie stradale o un altro oggetto. L'adesivo mantiene il pedone afferrato al cofano fino all'arresto del veicolo”.

 Lo strato adesivo dovrebbe ricoprire l'intera superficie anteriore della vettura nascosto da uno strato di vernice speciale in grado di disintegrarsi al momento dell'impatto, liberando così la superficie adesiva solo in caso di necessità. 

Google: nuovo brevetto salva pedone

L'opinione dei lettori