• pubblicato il 03-02-2012

Jeep Grand Cherokee SRT8 per Massa e Alonso

A Maranello due versioni speciali della SRT8 consegnate ai piloti della scuderia Ferrari

Il team Street and Racing Technology (SRT) di Chrysler Group ha realizzato e consegnato a i piloti della Scuderia Ferrari, Fernando Alonso e Felipe Massa, due Jeep Grand Cherokee SRT8.

I due esemplari sono stati personalizzati con l'esclusiva colorazione Rosso Corsa e con gli interni in pelle rossa. La SRT8 è la Jeep più potente mai realizzata e sarà commercializzata a partire da maggio.

Il suo aspetto è da vera sportiva, paraurti, cofano, tetto e spoiler sono stati personalizzati per renderla più aggressiva. I cerchi in lega sono da 20 pollici e lasciano intravedere le grosse pinze dei freni.

Anche all'interno dell'abitacolo domina il tema sportivo. Volante, cambio, pedaliera, i rivestimenti e tutto il pannello rimarcano la vocazione racing.

Il motore è un V8 da 6,4 litri dotato di tecnologia Fuel Saver, che consente la disattivazione di quattro cilindri (quando possibile) a vantaggio di una migliore efficienza nei consumi di carburante.

La potenza erogata è di 468 CV (344 kW) e 624 Nm di coppia massima e consente alla SRT8 di raggiungere 257 km/h di velocità massima e di scattare da 0 a 100 km/h in cinque secondi.

"Siamo entusiasti ed orgogliosi di poter consegnare a due dei piloti con più talento al mondo le esclusive personalizzazioni in 'stile Ferrari' del modello Jeep Grand Cherokee SRT8 più potente e maneggevole di sempre – ha dichiarato Beth Paretta –.

Siamo certi che sia Fernando che Felipe si sentiranno perfettamente a loro agio a bordo di queste due vetture che sfoggiano stilemi Ferrari ed esterni color Rosso Corsa e rappresentano il massimo riferimento in termini di prestazioni per il marchio Jeep.

Jeep Grand Cherokee SRT8 offre a tutti gli amanti della guida la combinazione unica tra le straordinarie capacità Jeep su strada e in pista, personalità stilistica e tecnologia di riferimento".

Jeep Grand Cherokee SRT8 per Massa e Alonso

L'opinione dei lettori