• pubblicato il 17-10-2014

Mazda MX-5: il mito della Spider si rinnova

di Junio Gulinelli

La quarta generazione della spider più venduta di sempre migliora ancora le sue grandi doti: leggerezza, guidabilità e design "sexy"

Motore anteriore centrale, trazione posteriore, distribuzione dei pesi 50:50 fra assale anteriore e posteriore, compattezza e leggerezza ma soprattutto guida divertente: sono questi gli ingredienti che da 25 anni caratterizzano l'auto iconica del brand Mazda, la MX-5.

Una ricetta vincente visto che nel 2011 la piccola sportiva scoperta di Hiroshima è diventata la spider più venduta di tutta la storia con ormai oltre 950.000 unità sparse in tutto il mondo, altro che gamma di nicchia...

“Jinba Ittai”, simbiosi tra guidatore e auto

La natura semplice e familiare del suo stile di compatta sportiva, la sensazione di leggerezza e precisione di guida che restituisce a chi è al volante, la sua linearità di risposta definita da Mazda “Jinba Ittai” (letteralmente “cavallo e cavaliere”, cioè la percezione che uomo e macchina siano in simbiosi appunto come un cavallerizzo ed il suo destriero) ha fatto sì che la vettura divenisse un “istant classic”.

Da 25 anni la numero 1

La prima generazionedella Mazda MX-5, presentata al Salone di Chicago il 9 febbraio del 1989 entrò da subito nei cuori degli appassionati delle piccole due posti open air e il suo successo fu decretato anche da un prezzo molto competitivo, accessibile a tutti. Il sogno di guidare con i capelli al vento arrivava dal Sol Levante e in breve avrebbe conquistato le masse, in tutto il mondo.

In seguito la Mazda MX-5 si rinnovò con la seconda generazione nell'ottobre del 1997 e la terza arrivò sette anni dopo, nel 2005.

Quest'anno, al Salone di Parigi 2014, Mazda ha scritto un'altra pagina nella storia di questo mito, svelando la quarta generazione che, a primo impatto, ed esteticamente parlando, appare la più attraente di sempre.

Innovare per preservare

Il nuovo linguaggio stilistico della firma orientale, il KODO Design, ha lasciato la sua impronta distintiva anche sulla nuova MX-5 ma lo ha fatto con delicatezza e attenzione, conservando la tradizione. "Innovare per preservare", è la massima che esprime la sfida che sta dietro alla creazione della quarta generazione della Mazda MX-5.

Strategia del grammo

L'atro dei pilastri portanti della Mazda MX-5, il divertimento alla guida, è stato ulteriormente migliorato puntando sulla più evoluta tecnologia SKYACTIV e utilizzando la cosiddetta "strategia del grammo", ovvero un certosino lavoro di alleggerimento di tutte le componenti principali della vettura. In questo modo Mazda ha ridotto il peso della spider di oltre 100 kg rispetto alla terza generazione, rimanendo sotto la fatidica soglia dei 1.000 kg.

Connessa con la modernità...

E per stare al passo con i tempi, infine grazie all'interfaccia uomo-macchina (HMI) di ultima generazione e al MZD Connect la piccola la Mazda Mx-5 soddisfa ora anche le moderne esigenze di sistemi di nuova generazione per la connettività a bordo ed è in grado di collegare con efficienza il conducente all'auto ed al mondo esterno.

Mazda MX-5: il mito della Spider si rinnova

L'opinione dei lettori