• pubblicato il 04-09-2012

Mercato auto agosto, ancora in caduta libera: -20,23%

di Francesco Irace

Segni negativi per quasi tutti i marchi. “Senza un intervento sarà difficile la ripresa”

Tutto come previsto. I dati di agosto relativi al mercato delle auto non sono per nulla confortanti. Anzi. La caduta libera registrata negli ultimi mesi non accenna a fermarsi: il calo è del 20,23% e le immatricolazioni sono passate dalle 70.746 di agosto dello scorso anno alle 56.447 attuali.

Nulla di nuovo insomma, soprattutto se si considera che nei primi otto mesi del 2012 le vendite hanno registrato un calo del 19,9%.

Crescono le vetture a GPL

“I problemi sono noti: tasse, carburanti, assicurazioni, pedaggi”, ha dichiarato Bousquet, Presidente dell'UNRAE. “Gli interventi delle Case automobilistiche tesi ad allargare gli intervalli temporali di manutenzione delle vetture almeno hanno minimizzato questa voce, nell’insieme dei costi”.

Ma il problema non è solo questo. La crisi non colpisce solo il mercato delle auto, bensì tutti i settori, nessuno escluso. “Senza un intervento a favore del potere di acquisto delle famiglie attraverso la riduzione della pressione fiscale ed il rilancio dei consumi, sarà ben difficile poter vedere alcun segno di ripresa”, ha concluso Bousquet.

Non è un caso che i dati dell'UNRAE raccontano di un consistente aumento delle vendite di vetture a GPL, preferite dai consumatori per far fronte al continuo aumento di carburante. La crescita è del 152,2%, con una quota di mercato dell'11,3%. In positivo anche le immatricolazioni delle vetture alimentate a metano, che fanno segnare un +30,7%. Segnali sconfortanti infine arrivano dal mercato dell'usato, in flessione del 9,4%.

Tutti giù per terra...tranne Kia

Il gruppo Fiat non se la passa meglio. Il calo delle immatricolazioni è del 20,59%, in linea con il trend del mercato. Nello specifico Fiat fa segnare un -17,54,%, nello stesso istante in cui in Brasile il marchio italiano ha visto crescere la sua produzione fino a toccare un record di vendite.

Male anche Lancia, Alfa Romeo e Jeep. Anche tra i gruppi stranieri abbondano i segni “-”, tra i quali il -14,60% di Volkswagen, il -35,47% di Ford, il -15,48% di Daimler e il -27,61% di BMW. Tuttavia vi è un'eccezione, rappresentata da Kia, che fa registrare un +77,67%.

Foto: Ansa

Mercato auto agosto, ancora in caduta libera: -20,23%

L'opinione dei lettori