• pubblicato il 02-04-2013

Mercato auto marzo 2013, calo contenuto: -4,9%

di Francesco Irace

Buone notizie per il Gruppo Fiat. Bene anche i noleggi. Ma la ripresa è ancora lontana

Piccolo miglioramento a marzo 2013 per il mercato auto, che fa segnare un calo più contenuto rispetto alla media degli ultimi mesi (disastrosi): 132.020 vetture immatricolate (contro le 138.816 del 2012), che equivalgono ad una flessione del 4,9% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente.

Questi i dati diffusi poco fa dal Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture.

Dopo quindici mesi consecutivi s'interrompe dunque il calo a due cifre. Ma guai a gioire troppo. Va infatti ricordato che il dato di marzo 2012 era già abbastanza drammatico: -26,72% rispetto allo stesso mese del 2011.

Guardando invece ai dati relativi al primo trimestre la flessione resta importante: -13%.

Buone notizie per il Gruppo Fiat

La buona notizia riguarda le vendite sul territorio italiano di Fiat Group Automobiles che marzo tornano ad essere positive.

Il gruppo ha immatricolato 37.957 nuove vetture, vale a dire +5,33% rispetto alle 36.037 unità del 2012. Cresce anche la quota di mercato che tocca 28,75%, rispetto al 25,96% di un anno fa.

Performance raggiunta soprattutto grazie alle vendite di Panda, Punto, Ypsilon e 500L, che si piazzano nei primi quattro posti della top ten del mese di marzo.

Bene il noleggio, meno bene l'usato

Un'altra nota positiva viene dal noleggio, cresciuto nel mese di marzo fino al 21,6% di quota di mercato (+10,6% in volume).

Il mercato dell'usato ha invece evidenziato nel mese una flessione del 4,4% con 374.783 trasferimenti di proprietà, al lordo delle minivolture, consentendo al cumulato gennaio-marzo di attestarsi in linea con i livelli del 1° trimestre 2012 (+0,7% in volume e 1.088.327 vetture trasferite).

Bene GPL e metano. Crescono anche le ibride

Il rush dei noleggi, invece, consente soprattutto alle autovetture diesel di rallentare la flessione e chiudere marzo al 7,6% in meno (-15,9% nel 1° trimestre), mentre le vetture alimentate a benzina segnano un calo nel mese del 16,5% (-23,8% sul cumulato).

Sempre buona la performance del Gpl e del metano (rispettivamente +37,8% e +61,2% nel mese), in forte crescita le vetture ibride (+149,6% in marzo), grazie alla presenza di nuovi importanti modelli.

Le parole di Bousquet, Presidente dell'UNRAE

“Il confronto con marzo dello scorso anno sembrerebbe un buon risultato – afferma Jacques Bousquet, Presidente dell'UNRAE, l'Associazione delle Case automobilistiche estere – perché realizzato con un giorno lavorativo in meno, tuttavia non dovremmo dimenticare che ci confrontiamo con un difficilissimo marzo 2012, affossato da un lungo sciopero delle bisarche (appena 138.816 immatricolazioni e un calo superiore al 26%)”.

“Il comparto dell'auto resta, infatti, nell'affannata attesa che la crisi di Governo trovi una soluzione che sia capace di interventi incisivi per il rilancio dell'economia e dei consumi, che riduca la pressione fiscale su famiglie ed imprese, e dia finalmente attenzione ad un settore trainante per l'economia italiana.”

“L'UNRAE – conclude Bousquet - si accinge a rinnovare i propri organi associativi ed il proprio Presidente: colgo l'occasione per salutare tutti gli operatori e ringraziarli per l'attenzione che è stata data alla nostra Associazione”.

Mercato auto marzo 2013, calo contenuto: -4,9%

L'opinione dei lettori