• pubblicato il 13-04-2015

mytaxi, l'app del taxi sbarca a Milano

Un'altra rivoluzione nel trasporto pubblico

mytaxi sbarca oggi in Italia e più precisamente a Milano. Grazie a questa rivoluzionaria app, scaricabile dall’App Store, da Google Play o dal sito it.mytaxi.com, è possibile richiedere un taxi (rigorosamente dotato di licenza) e controllarne la posizione e l’avvicinamento sul proprio smartphone con un orario stimato di arrivo e una previsione di costo.

Si può inoltre pagare tramite l’app (la ricevuta viene automaticamente spedita al passeggero via e-mail al termine del tragitto) e dare una valutazione in “stelline” all’esperienza di viaggio. Il tassista (il cui nome e la cui foto, insieme alla targa e al modello dell’auto da lui posseduta possono essere visualizzati sullo schermo del telefono) può invece accedere alla posizione e al nome del cliente che ha inoltrato la chiamata.

mytaxi è un’azienda fondata ad Amburgo (Germania) nel 2009 da Niclaus Mewes e Sven Külper presente in oltre 40 città del mondo con 10 milioni di downloads e 45.000 taxi attivi. Risale al 2011 il debutto dell’app fuori dalla Germania (a Vienna, in Austria), nel luglio 2012 viene introdotto il Mobile Payment (implementato nel marzo 2013) mentre nell’ottobre 2012 c’è lo sbarco negli USA a Washington. Nel settembre 2014 mytaxi si fonde con moovel GmbH, società appartenente al gruppo Daimler.

In occasione dell'arrivo a Milano mytaxi ha deciso di offrire diversi vantaggi ai clienti e ai tassisti. Per i primi è previsto, per la durata di un mese, il 50% di sconto sulle corse effettuate per gli utenti che selezionano l’opzione “paga con la App”. Da non sottovalutare, inoltre, il “Referral Program”: un voucher di 15 euro per ogni utente che porta un nuovo utente (che a sua volta riceve un voucher di 10 euro).

Tutti i tassisti che aderiranno a mytaxi non avranno costi fissi o di recessione e fino al 30 settembre 2015 non è prevista alcuna trattenuta sulla mediazione. Per maggiori informazioni: www.mytaxi.it.

mytaxi, l'app del taxi sbarca a Milano

L'opinione dei lettori