• pubblicato il 18-05-2016

Nissan con A2A: Milano capofila della mobilità elettrica

Inaugurate le prime colonnine pubbliche di ricarica rapida per i veicoli elettrici

Qualcosa si muove nel mondo delle auto elettriche. E, va detto, finalmente. Nissan, insieme all’azienda energetica A2A e al comune di Milano, hanno lanciato un piano coerente per lo sviluppo della rete di colonnine di ricarica nella città milanese. Un piccolo passo verso il futuro, un’azione importante per il presente della mobilità a zero emissioni.

L’auto elettrica, di cui Nissan è convintissima sostenitrice con la Leaf, ha numerosi vantaggi nei confronti delle vetture tradizionali: il primo, ovviamente, è che non inquina. Il secondo, non meno importante, è la drastica riduzione della rumorosità di marcia, l’inquinamento acustico: si passa dai 60 decibel di media di una vettura media ai 21 decibel dell’auto a batterie, con una riduzione secca del 56%. Se abitate in zone trafficate capite immediatamente quale miglioramento della qualità della vita ci sarebbe se il traffico che passa sotto le vostre finestre ammutolisse di colpo. E poi l’auto elettrica non ha bisogno di olio, con il conseguente superamento del problema enorme dello smaltimento degli olii esausti. Infine è straordinariamente economica, con 3,5 euro di elettricità si percorrono 100 km.

Fantastico. E allora perché l’auto a zero emissioni non decolla? Per due problemi sostanziali: il primo è il costo, ancora elevato; il secondo è la scarsità di punti per ricaricare le batterie. E quando si trovano sono a carica lenta, dunque bisogna aspettare ore prima di ripartire…

Il piano con A2A cerca di risolvere, almeno nell’area milanese, questo aspetto: l’impegno è di istallare 12 colonnine a ricarica rapida (l’80% della capacità delle batterie in 20 minuti, un tempo considerevolmente più breve) entro il 28 maggio, giorno della finale della Champions League, di cui Nissan è uno degli sponsor e prevede di trasportare i suoi ospiti con un centinaio di veicoli elettrici. Che dunque andranno ricaricate in fretta!

Ma, evento calcistico a parte, è un impegno coi cittadini milanesi più sensibili all’ambiente: le 12 colonnine (fornite da Nissan ad A2A che ha sviluppato un nuovo sistema di gestione della ricarica) vanno ad aggiungersi alle 34 già esistenti e resteranno a titolo gratuito al comune di Milano.

Per poter ricaricare la propria vettura elettrica, basterà acquistare da A2A una card: costa 5 euro al mese ma dà diritto a ricaricare illimitate delle batterie. Se pensate quanta benzina mettete nella vostra auto con quella cifra, il risparmio sui costi di gestione è evidentissimo.

«Siamo molto soddisfatti di questa iniziativa», ha dichiarato Bruno Mattucci, amministratore delegato di Nissan Italia: «Abbiamo deciso di investire in una città che ha già mostrato grande sensibilità ai temi della mobilità sostenibile. Crediamo che un lavoro di squadra tra le pubbliche amministrazioni, i distributori di energia e i costruttori di auto elettriche possa contribuire seriamente al miglioramento dell’aria che respiriamo e garantire una mobilità senza vincoli. L’auto elettrica non inquina mai, anche quando non piove».

Possiamo soltanto augurarci che l’esperimento milanese prosegua e sia di stimolo ad altre amministrazioni locali. Vedremo.

Nissan con A2A: Milano capofila della mobilità elettrica

L'opinione dei lettori