• pubblicato il 21-01-2014

Opel Meriva 2014: arriva il restyling della monovolume media del Fulmine

di Junio Gulinelli

La produzione è iniziata in Spagna e presto arriverà in concessionaria con il look aggiornato, il nuovo 1.6 Diesel e il sistema IntelliLink.

La nuova Opel Meriva, presentata ad ottobre dello scorso anno, e rivista la scorsa settimana al Salone di Bruxelles 2014, è pronta ad entrare in commercio con le novità del restyling.

Il nuovo 1.6 Diesel da 136 CV

Una grande new entry per la Meriva 2014 è rappresentata dal nuovo propulsore Diesel 1.6 da 136 CV che rimpiazzerà la vecchia unità 1.7 da 130 CV. Più compatto, quindi, e anche con qualche cavallo in più a disposizione.

Ma non finisce qui perché uno dei punti forti di questo nuovo motore in listino riguarda l’efficienza: percorre 100 km con 4,4 litri di gasolio ed emette 116g/km di CO2. Ottimi parametri, ai vertici della categoria, per una monovolume media come la Opel Meriva.

Buone anche le prestazioni con lo scatto da 0 a 100 km/h coperto in 10,6 secondi e 197 km/h di velocità massima.

Inoltre il nuovo 1.6 Diesel rtientra nella normativa Euro 6 ed è abbinato alla nuova, e più rapida, trasmissione manuale a sei marce con sistema Start/Stop di serie.

Oltre a questo nuovo motore la Opel Meriva 2014 sarà offerta anche con i benzina da 1,4 litri con 100 e 120 CV. Ci sarà, poi, anche la versione a GPL che rientra nella normativa Euro 6.

Piccoli ritocchi estetici e nuovo sistema IntelliLink

Rispetto alla generazione del 2010, la nuova Opel Meriva 2014 sfoggia leggere novità estetiche come cromature sparse per la carrozzeria - calandra, cornici dei fendinebbia e linee di cintura - e tecnologia LED anche per i fari posteriori. I cerchi in lega sono nuovi, disponibili nelle dimensioni da 17 o 18 pollici.

Riguardo agli interni, la Opel Meriva 2014 avrà a disposizione il nuovo sistema IntelliLink di GM dotato di display a colori da 7 pollici, sistema Bluetooth, Usb e riconoscimento vocale.

La produzione della monovolume del Fulmine è iniziata la scorsa settimana in Spagna, presso lo stabilimento di Saragozza.

La storia della Opel Meriva

Quando fu lanciata nel 2003, la prima generazione dellal Meriva creò il segmento delle monovolume compatte e divenne il termine di riferimento per la sua capacità di rendere la flessibilità accessibile al grande pubblico.

La seconda generazione del 2010 segnò un miglioramento spettacolare grazie a funzionalità innovative che non incrementavano ulteriormente solo la flessibilità ma anche l’ergonomia, come le FlexDoors incernierate sul retro che rendevano molto più facile salire e scendere dalla vettura, il sistema di sedute posteriori FlexSpace, i sofisticati sedili anteriori ergonomici, le numerose intelligenti soluzioni di stivaggio e il portabiciclette FlexFix completamente integrato nel paraurti posteriore, un’esclusiva Opel.

Queste funzioni rendono l’attuale Meriva la specialista di ergonomia, come è stato certificato da esperti indipendenti e, insieme alla seduta rialzata, sono fondamentali per il suo successo.

Opel Meriva 2014: arriva il restyling della monovolume media del Fulmine

L'opinione dei lettori