• pubblicato il 17-10-2013

Opel Zafira Tourer: debutta il 1.6 CDTI

La monovolume del Fulmine con il nuovo "millesei" turbodiesel, al top nel suo segmento. Un propulsore potente (136 CV), efficiente (4,1l/100km) e anche molto silenzioso.

Debutta sulla Zafira Tourer il primo motore Diesel di Opel in alluminio, il, 1.6 CDTI (presentato al Salone di Ginevra 2013) che andrà a sostituire in gamma gli attuali diesel 1.7 e alcune versioni a minore potenza del 2.0 litri.

Il nuovo quattro cilindri 1.6 CDTI al dettaglio

Con 100kW/136 CV nella prima versione e una notevole coppia massima di 320 Nm, questo quattro cilindri compatto vanta un’eccezionale potenza specifica di 85 cv per litro, posizionandosi al vertice della sua categoria.

I consumi, rispetto al 2.0 CDTI si riducono del 10%, grazie a valori eccezionalmente bassi, pari a soli 4,1 l/100 km con emissioni di CO2 di 109 g/km.

Inoltre, il sistema di riduzione catalitica selettiva (SCR) BlueInjection di Opel per il trattamento dei gas di scarico consente di rispettare le norme Euro 6 sulle emissioni.

Oltre all'efficienza, poi, il 1.6 CDTI che equipaggerà la Opel Zafira Tourer è stato migliorato in termini di comfort con rumorosità e vibrazioni drasticamente ridotti grazie all'applicazione di nuove tecniche derivate dall'ingegneria del suono.

Fondamentali per le prestazioni del motore sono il common rail ad alta pressione, il controllo della combustione “closed-loop” e l’elevata pressione massima di sovralimentazione, prodotta da un turbocompressore a geometria variabile (VGT).

Queste e altre funzioni sono controllate dalla sofisticata centralina di controllo del motore 1.6 CDTI, sviluppata da General Motors. Questa centralina all’avanguardia, ingegnerizzata in Italia, Germania e negli Stati Uniti, sarà utilizzata su tutti i quattro cilindri Opel del futuro.

Le nuove trasmissioni manuali: investiti più di 50 mln per la qualità

Ma Opel non solo si sta dedicando a rimpiazzare i vecchi motori con nuovi propulsori più potenti ed efficienti, la Casa del Fulmine ha infatti investito più di 50 milioni di Euro nei propri stabilimenti europei per migliorare i cambi a cinque e sei marce. Vengono, infatti, lanciati sulle gamme Astra, Cascada e Zafira Tourer insieme ai nuovi motori 1.6.

Numerose revisioni agli ingranaggi interni della trasmissione e ai meccanismi della leva del cambio e alla loro integrazione sui veicoli hanno permesso di ridurre significativamente la corsa e di ottenere forze di leva del cambio molto basse. Chi guida avverte una sensazione più ‘diretta’ che consente alla leva del cambio di inserirsi facilmente in posizione con il minimo sforzo.

Sarà disponibile, infine, anche un cambio automatico a sei velocità a basso attrito con funzione Active Select che consente di cambiare manualmente per un’esperienza di guida più sportiva.

Opel Zafira Tourer: debutta il 1.6 CDTI

L'opinione dei lettori