• pubblicato il 12-06-2013

Un aiuto ai bambini malati da Porsche e Fondazione Theodora

di Renato Dainotto

Un sorriso in più per i bambini malati grazie a Porsche e fondazione Theodora

Porsche Italia festeggia, insieme alla Casa madre, i 50 anni della mitica 911 (con gli auguri di Mini).

Tantissime sono le iniziative per celebrare la più famosa delle Porsche. Tra queste, c'è il sostegno alla divisione italiana della Fondazione Theodora.

Una Onlus che si prende cura dei bambini ospedalizzati con iniziative molto particolari.

Un sorriso aiuta a guarire

Di cosa si occupa esattamente la fodazione Theodora? Di una attività importantissima.

Le parole di Emanuela, direttore generale, sono più che chiare: "La missione di Fondazione Theodora Onlus è quella di offrire agli ospedali e ai reparti pediatrici italiani la visita dei Dottor Sogni, artisti professionisti assunti e specificamente formati dalla Fondazione per il lavoro in ambito ospedaliero pediatrico. I Dottor Sogni attraverso l’ascolto, il gioco, la magia offrono al bambino e alla sua famiglia un prezioso aiuto nell’affrontare la difficile prova del ricovero".

Il medico cura la malattia, il dottor sogno la parte sana del bambino

Il lavoro del dottor sogno è molto importante.

Perché mentre medici e genitori sono in trincea contro la malattia, il dottor Sogno lavora sulla parte sana del bambino, quella che vuole giocare, ridere e vivere.

Un complemento fondamentale per dare una spinta in più verso la guarigione.

E anche se la scienza non offre numeri e statistiche, chiunque immagina che guarire sia più facile con qualche sorriso in più nella giornata.

L'accelerazione della Porsche

Porsche Italia, in occasione dell'Italian Tour, si è impegnata a raccogliere i fondi per la gestione di un dottor Sogno per un anno intero.

Un obiettivo ambizioso di cui garantisce la somma finale necessaria.

Al 1 giugno sono stati raccolti 10mila euro, ma il tour deve ancora entrare nella fase più viva. Ma questo è solo una parte dell'impegno Porsche.

Il vero obiettivo è far conoscere la fondazione e innescare un tam tam che aiuti a implementare i finanziamenti dai privati. Chiunque, infatti, può contribuire attraverso i vari canali di donazione illustrati nel sito della fondazione.

Perchè partecipare?

Semplice, per dare la possibilità alla fondazione di proseguire le sue attività di assistenza nei reparti pediatrici e, se possibile, di implementare gli interventi.

Perché per i bambini ricoverati, spesso in lungo degenza, avere un dottor Sogno (un artista professionista) che lo intrattiene è importante quanto le medicine.

Perché un po' di magia e di risate riaccendono la luce nello sguardo dei bambini. Con un piccolo contributo si può fare molto. Più di quanto si può immaginare...

Un aiuto ai bambini malati da Porsche e Fondazione Theodora

L'opinione dei lettori