• pubblicato il 25-10-2012

Renault Clio Collection e Peugeot 207+: le piccole francesi non vanno in pensione

di Junio Gulinelli

Rimangono sul mercato ed affiancano le nuove generazioni proponendosi come scelta alternativa, più economica ed affidabile.

La nuova Reanult Clio IV non manderà in pensione la vecchia generazione della piccola utilitaria della Losanga.

Il Costruttore francese ha infatti deciso che manterrà in commercio la terza generazione Clio sotto il nome di Renault Clio Collection.

Rinnovarsi... o riciclarsi

Ancora una volta a dettare le strategie commerciali del mercato automotive è la crisi. E due sono le strade che le Case automobilistiche intraprendono per uscirne: rinnovarsi o riciclarsi.

In questo Caso Reanult e Peugeot adottano entrambe le strategie. D'altra parte un valore sicuro come quello della Clio, o della 207 non si  rottama così, senza spremerlo fino all'ultimo.

Come d'altronde ha fatto anche l'altra francese, Peugeot, che ha lasciato in campo la ormai “vecchia” 207 riproponendola affianco della nuova Peugeot 208 e rinominandola 207+.

Equipaggiamenti basilari, motorizzazioni entry level ed ecco che la proposta accessibile, un po' per tutti, c'è.

Insomma per chi vuole spendere un po' di meno ed avere comunque un prodotto con garanzia di affidabilità e successo, senza per forza avere “l'ultima uscita”.

Renault Clio Colletion

Nel Caso della Renault Clio Collection sarà disponibile solo nella versione a 5 porte, e nei due allestimenti – Alizé e Business –  con prezzi, in Francia, a partire da 9.990 Euro con la motorizzazione a benzina 1.2 da 75 CV. Ma sarà offerta anche con l'altra motorizzazione, diesel, dCi da 75 CV.

Peugeot 207+

La Peugeot 207+, invece, è proposta nelle due versioni a tre o cinque porte e con due motorizzazioni disponibili: il 1.4 a benzina da 75 CV e il 1.4 HDi turbodiesel da 68 CV. I prezzi, sempre per la Francia, partono da 10.690 euro (con 1.700 Euro di sconto in caso di rottamazione).

Renault Clio Collection e Peugeot 207+: le piccole francesi non vanno in pensione

L'opinione dei lettori