Saab 9-3
  • pubblicato il 08-10-2012

Fallimento Saab: nessun pericolo per i ricambi in Italia

L'azienda svedese che se ne occupa acquisisce la filiale italiana. Garantiti i pezzi per le riparazioni, i programmi di assistenza e il  supporto tecnico

Buone notizie per i possessori di una Saab.

L’azienda è fallita, il  marchio non verrà più utilizzato ma ricambi e assistenza continueranno  a essere assicurati anche in Italia.

Oggi, infatti, Saab Automobile  Parts ha annunciato di aver acquisito le filiali italiana e spagnola di  Saab dal liquidatore della Saab Automobile.

«Queste acquisizioni  rappresentano uno sviluppo naturale per assicurare la nostra presenza  nei mercati tradizionali per Saab, quali l’Italia e la Spagna. Esiste un  importante parco circolante di autovetture in questi Paesi e con queste  acquisizioni siamo in grado di assicurare la continuità della nostra  presenza per la vendita e la distribuzione di parti di ricambio, nonché  di programmi di assistenza e di supporto tecnico. Inoltre vediamo  significative opportunità di sviluppo delle nostre attività e di  crescita delle nostre società in Italia ed in Spagna nel prossimo  futuro», ha detto Lennart Stahl, amministratore delegato di Saab  Automobile Parts.

Assistenza post-vendita garantita

L’azienda, che si occupa della gestione dei  ricambi Saab dal 1960, è intenzionata a garantire a tutti i possessori  di Saab nel mondo la fornitura e servizi dopo vendita.

Per questo nel 2012 ha creato filiali in Gran Bretagna e in Nord America e ha  costituito una nuova sede Sales & Marketing a Trollhättan, sede  storica della Saab in Svezia.

«Distribuiamo parti di ricambio in più di  60 Paesi nel mondo ed è in corso un processo per considerare e  sviluppare nuove opportunità. Stiamo infatti valutando la possibilità di  espandere ulteriormente il nostro giro d'affari su scala internazionale  attraverso la creazione di nuove filiali», ha concluso Lennart Stahl.

Fallimento Saab: nessun pericolo per i ricambi in Italia

L'opinione dei lettori