Tecnologia in auto: l'infografica di Unipol
  • pubblicato il 02-07-2015

La tecnologia più utile? Quella che aiuta a frenare...

Uno studio di Unipol racconta il rapporto tra tecnologia e auto visto attraverso gli occhi di chi guida

È la frenata a preoccupare di più, da sempre. Ce lo insegnano fin dalle scuole (guida e non): bisogna rispettare le distanze di sicurezza.

Per questo non stupisce il fatto che 1 persona su 4 consideri come più importanti le tecnologie che migliorano i sistemi di controllo di frenata e tenuta di strada.

A dimostrarlo è uno studio condotto da NetExplora su commissione di Unipol.

I risultati raccontati dall'Osservatorio Unipol 2015 parlano chiaro: il 25% degli intervistati considera fondamentale la tecnologia che migliora e rende più sicure la frenata, mentre risultano molto meno importanti la tanto decantata scatola nera (indicata solo dal 18% degli intervistati), l'antifurto satellitare (11%) e i sistemi di guida automatica (9%), per la quale i tempi non sembrano ancora maturi.

A proposito di tempi non maturi: il 35% delle persone coinvolte ritiene che le tecnologie che rendono le auto "iperconnesse" distraggano di più alla guida, e siano quindi da evitare. A meno che non siano nativi digitali, per i quali è tutto più facile (34%).

Il 21% degli intervistati invece concorda, salomonicamente: tutti gli avanzamenti tecnologici contribuiscono alla maggiore sicurezza in auto.

La tecnologia più utile? Quella che aiuta a frenare...

L'opinione dei lettori