Elon Musk
  • pubblicato il 27-10-2016

Tesla: dopo i guai, primo trimestre positivo per Elon Musk

di Junio Gulinelli

La compagnia californiana dichiara benefici per 22 milioni di dollari e un flusso di cassa positivo di 176 milioni di dollari

Tesla ha pubblicato i risultati finanziari del terzo trimestre del 2016 e le notizie per gli azionisti del marchio californiano sono positive. A sorpresa, dopo i guai che hanno fatto tremare Elon Musk (l'indagine della NHTSA sull'incidente mortale presumibilmente causato dall'Autopilot e l'esplosione del razzo Space X) Tesla rompe la tendenza negativa degli ultimi anni (dal 2013) e si prende una bella rivincita in positivo, dichiarando benefici per il marchio.

Per lo scorso trimestre, infatti, Tesla ha dichiarato un beneficio di 22 milioni di dollari e un flusso di cassa positivo di 176 milioni di dollari. La notizia non ha tardato a ripercuotersi in borsa, dove, ieri, le azioni hanno fatto registrare un rialzo massimo di 15 dollari.

Altra notizia positiva è che il risultato positivo dell'ultimo trimestre di Tesla si deve principalmente alle vendite di auto e non a un montaggio finanziario dovuto alla vendita ad altre industrie di crediti a emissioni zero. Secondo la Casa californiana, infatti, le richieste di Model S e della nuova Model X sono salite del 68% durante gli ultimi tre mesi di questo 2016 (rispetto allo stesso trimestre del 2015).

A rafforzare questi numeri va poi aggiunto il mega consumo di liquidità che a Tesla serve a portare avanti il reparto Ricerca e Sviluppo, la costruzione della GigaFactory e la linea di produzione della nuova utilitaria a basso costo Model 3 (su cui si punta per il 2017).

Mai quanto ora Tesla ha bisogno di vendere auto per consolidare la sua posizione finanziaria. Quest'ultimo trimestre la compagnia di Elon Musk ha prodotto 25.186 auto, un 37% in più rispetto al secondo trimestre del 2016 e un 92% in più rispetto al terzo trimestre del 2015.

Per il futuro più immediato, poi, oltre alla vendita di auto (e soprattutto della Model 3), Tesla continua a puntare molto sull'acquisizione di SolarCity (operazione che ha causato molto scetticismo nell'ambito della borsa) che costerà 2,2 miliardi di dollari ma che dovrebbe portare introiti grazie alla vendita un nuovo prodotto solare per i tetti e di nuove batterie per l'accumulo di energia in ambito domestico.

TAG

Tesla: dopo i guai, primo trimestre positivo per Elon Musk

L'opinione dei lettori