News

Compasso d’Oro 2014: vincono Ferrari F12 Berlinetta, Ducati 1199 Panigale e… un trattore

Il premio dedicato all'eccellenza del design premia due prodotti italiani. Tre, compreso un... trattore by Giugiaro

di Claudio Mastroianni -

C’è molta Italia in questo Compasso d’Oro 2014, che si è svolto come di consueto a Milano nella giornata di ieri.

C’è molta di quell’Italia che ci piace, fatte di forme filanti e di passione, ma non solo.

E non poteva essere altrimenti visto che il Compasso d’Orocome spiegano i nostri cugini di Grazia Casa – premia i prodotti di design più belli e innovativi. E noi italiani, in fatto di design, qualcosa da dire ce l’abbiamo ancora.

Compasso d’oro: le motivazioni della giuria

Sono tre i vincitori dellaBussola d’oro 2014 che ci riguardano più da vicino. Tutti e tre legati al mondo dei motori. Più o meno.

Si va dalle due ruote della Ducati 1199 Panigale alle quattro ruote della bellissima Ferrari F12 berlinetta. E per dare un tocco in più c’è anche spazio per un… trattore. A firma Giugiaro (figlio), però: un cognome che conosciamo bene.

A seguire, le motivazioni della giuria.

1199 Panigale

Alla splendida due ruote di Ducati, opera della matita di Gianandrea Fabbro e del Ducati Design Center, la giuria ha assegnato il Compasso d’Oro “per aver trasferito prestazioni agonistiche in un prodotto di serie raffinato e coerente con l’immagine tradizionale del marchio”.

Non ci sentiamo di dissentire.

F12 berlinetta

La Ferrari F12 Berlinetta, frutto della fantasia di Flavio Manzoni e del Centro Stile Ferrari insieme a Pininfarina, abbiamo imparato ad amarla e apprezzarla già da qualche anno.

Il Compasso d’Oro gli è stato assegnato “per la forma filante, la cui aerodinamica ottimizza le prestazioni della vettura”.

Deutz-Fahr 7250 TTV Agrotron

Crezione di Giugiaro Design, il trattore 7250 TTV Agrotron di Deutz-Fahr ha ricevuto il Compasso d’Oro “per aver caricato di espressività uno strumento di lavoro, risolvendone contemporaneamente anche gli aspetti ergonomici e funzionali”.

E in effetti, noi un giro lì sopra ce lo vorremmo pure fare. Voi?