• pubblicato il 28-04-2016

Le 5 migliori BMW M di sempre

di Francesco Neri

La nostra classifica delle 5 migliori BMW sportive mai prodotte

Quando tra appassionati di auto si comincia a parlare di BMW sportive è impossibile non incappare in accese discussioni. La divisione M Sport ha sempre costruito vetture dal grandissimo equilibrio, auto con un DNA sportivo derivato dalle competizioni (niente fuffa e operazioni di marketing), ma anche utilizzabili nell’uso quotidiano. Ecco perché la BMW M3 E30, la capostipite delle M sportive, è considerata una delle sportive migliori di sempre. Nel corso degli anni le auto della divisione M sono cambiate perdendo ma allo stesso tempo guadagnando qualcosa. La ricetta non cambia: trazione posteriore, telaio affilato, motore capace di allungare fino alla zona rossa del contagiri e grande sfruttabilità quotidiana. È difficile stabilire quale sia la migliore. Noi ci abbiamo provato, e anche se è impossibile metter tutti d’accordo, crediamo che il gradino più alto del podio lo meriti solo lei...

BMW Z4 M

Al quinto posto troviamo un’auto piuttosto recente, ma che in quanto a temperamento ricorda le sportive del passato. La BMW Z4 M è un’auto fisica, tosta e ribelle. Sotto il lungo cofano si cela il mitico sei cilindri in linea della M3 E46 3,2 litri da 343 CV a 7.900 giri e 365 Nm a 4.900. La Z4 scatta da 0 a 100 km/h in 5 secondi netti e allunga fino a 250 km/h.
La potenza è scaricata a terre tramite un differenziale autobloccante meccanico mentre il cambio è l’ottimo manuale a sei marce BMW. La Z4 è una di quelle vetture che richiede rispetto, mani ferme e pelo sullo stomaco. Il sei cilindri in linea aspirato è capace di un allungo formidabile e di un ruggito metallico da pelle d’oca. Non sarà un delle vetture più docili e equilibrate uscite dai cancelli della Casa bavarese, ma è proprio per questo che la Z4 M si fa amare.

BMW M3 E 30

La (ormai) nonnina delle M sport non poteva che far parte della 5 migliori BMW sportive mai prodotte. La M3 E 30 è nata nel 1985 e monta un 4 cilindri in linea 2.302 cc da 195 CV a 6.750 giri (200 senza catalizzatore) portati successivamente a 238 CV nella versione 2,5 litri M
3 Sport Evolution, un’edizione limitata di 600 esemplari. Oggi troviamo queste cavallerie su una Clio, ma nell’86 la M3 era capace di prestazioni super. Ma non è soltanto questione di velocità: la E30 ha una linea mozzafiato, tra le migliori che BMW abbia mai prodotto, e si può dire lo stesso del telaio. Le vittorie in ambito sportivo della M3 la dice lunga sulla bontà del suo chassis: 1.500 vittorie (tra rally e turismo) e oltre 50 titoli internazionali vinti, tra cui un titolo Mondiale Turismo nel 1987.

BMW 1M

La BMW 1M ha segnato un punto di svolta per le vetture M Sport. È stata la prima a montare un motore sovralimentato ed è stata la prima “baby M” dopo 20 anni di M3 e M5. In un certo senso la 1M, con la sua compattezza e con il suo prezzo più accessibile, è la vera erede spirituale della M3 E30. A vederla da fuori è muscolosa, tesa e pronta a fare a pezzi avversarie ben più potenti di lei. Monta un motore 3.000 cc biturbo da 340 Cv a 5900 giri e 450 Nm di coppia compresi tra i 1.500 e i 4.500 giri accoppiato esclusivamente ad un cambio manuale a sei rapporti. La 1M è veloce quanto la sorella maggiore V8, ma più rigida, compatta e concentrata. Il passo corto e la coppia mostruosa la rendono un’auto impegnativa ma tremendamente appagante. Senza dubbio una delle migliori M dei nostri giorni.

BMW M5 E 60

La BMW M5 E60, prima di tutto, è una vettura bellissima. Chris Bangle ha creato delle linee che spezzano con il passato ma che allo stesso tempo hanno dato uno sprint al corso di design BMW. Per noi è semplicemente una della Serie5 migliori di sempre. La M5 E60 è stata l’apice della corsa dell’upsizing prima che la crisi economica e il prezzo del petrolio fecero decimare il numero di cilindri. Sotto il cofano si cela nientemeno che un V10 5 litri da 500 CV a 7.750 giri e 500 Nm di coppia abbinato un cambio robotizzato a 7 marce (SMG 7). Le sue prestazioni sono tutt’oggi impressionanti: 0-100 km/h in 4,5 secondi e 250 km/h limitati elettronicamente. Potrebbe sembrare una follia inserire un propulsore (quasi) da gara in una berlina comoda e spaziosa. Beh, lo è, ed è per questo che la M5 E 60 si merita il secondo gradino del podio.

BMW M3 E 46

Correre con il coltello tra i denti, passeggiare, fare traversi infiniti e portarvi da casa all’ufficio (o alla pista) comodamente. Questo è quello che può fare la M3 E46, e lo fa meglio di qualunque altra auto. Il suo 3.200 cc da 343 CV a 7.900 giri e 365 Nm (lo stesso della Z4) è considerato uno dei motori migliori di sempre. Sotto i 5.500 giri è un po’ pigro, ma dopo quella soglia è capace di allunghi da capogiro. La M3 E46 vanta anche uno dei migliori telai prodotti dai ragazzi di M Sport. Non c’è un elemento migliore dell’altro: cambio, sterzo, motore e trazione sono perfettamente equilibrati e lavorano in armonia per rendere la vostra esperienza di guida indimenticabile. La M3 è stata prodotta anche in edizione CSL, una versione ancora più sportiva alleggerita dotata di cambio sequenziale, gomme e freni più performanti e un look ancora più aggressivo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

13/02/2015   La BMW M1 ProCar e la F1
Le 5 migliori BMW M di sempre

L'opinione dei lettori