• pubblicato il 20-11-2015

Auto sportive usate: M3 vs C63 AMG

di Francesco Neri

Due eterne rivali a un prezzo di saldo

Se non fosse per il superbollo e la finanza pronta a entrarvi in casa, il mercato dell’usato sarebe una fonte enorme di offerte imperdibili. Al prezzo di una compatta del segmento C ben equipaggiata, potreste portarvi a casa due belve scatenate, pratiche e veloci: la BMW M3 E90 e la Mercedes C63 AMG W204.
Le nuove generazioni di M3 (M4 ora) e di C63 sono oggettivamente migliori: sono più compatte, più leggere, hanno più cavalli e un miglior equipaggiamento, ma hanno perso una cosa molto importante per noi appassionati di motori, l’aspirazione naturale.
Le “vecchie” versioni sono ancora moderne, sia nella linea sia nella meccanica, ma abbastanza adulte da non essere state travolte dalla crisi economica e dalla mania (e necessità) di downsizing.

BMW E90 M3

La BMW M3 monta un motore V8 4.0 litri naturalmente aspirato da 420 cv e 400 Nm di coppia, capace di un’allungo che sfiora gli 8.300 giri/min. Quest’unità deriva dal V10 della M5, a cui sono stati tolti due cilindri, e dispone di una valvola a farfalla per ognuno di essi, soluzione assai rara per un motore per utilizzo stradale.
Il tetto invece è realizzato in fibra di carbonio, soluzione utile sia a ridurre il peso, sia ad abbassare il baricentro; mentre il cambio è disponibile sia manuale a sei rapporti o con il doppia frizione DKG a sette marce e paddles al volante.
La M3 passa da 0 a 100 km/h in 4"8 in versione manuale a sei marce e in 4"6 con il cambio sequenziale DKG.
La bavarese risulta un’arma decisamente più precisa e affilata della C63; ed è ottima sia per andare a far la spesa sia per i trackdays. Tuttavia, la mancanza di cavalleria sotto i 5.500 giri richiede che un lavoro di cambio non indifferente, e quando la spinta finalmente arriva, si sta andando a velocità parecchio illegali. Non è necessariamente un difetto, personalmente adoro gli aspirati che “si fanno attendere”, ma se amate la coppia in basso, allora state cercando.

Mercedes C63 AMG

La C63 AMG W204 nasconde una bomba atomica sotto il cofano: il suo V8 da 6.2 litri aspirato è capace di 457 cv (480 con il performance pack) e ben 600 Nm di coppia, e spinge l’auto da 0 a 100 km/h in 4,5 secondi.
Le Mercedes AMG sono sempre state vetture veloci, ma mai brillanti nella guida sportiva. Con l’arrivo della W204 però la C fece un grande passo avanti: il suo telaio è più rigido e leggero della sua progenitrice, mentre il motore oversize è fonte di divertimento assicurato. La C63 AMG W204 è disponibile solo con un cambio automatico AMG Speedshift Plus 7G-Tronic a sette rapporti, non velocissimo, ma perfettamente in sintonia con il carattere da “muscle car tedesca” della berlina.
Il bello della C63 è che non dovete tirare come dei matti per godere delle sue capacità, la coppia è così tanta che basta seppellire il gas con decisione per esibirsi in sovrasterzi praticamente infiniti.
Questo a volte può essere frustrante se si cerca la guida pulita o se si guida su fondi con scarsa aderenza, ma terribilmente divertente se siete amanti del sovrasterzo.

Costi

Inutile dire che entrambe costano parecchio da mantenere, ma se guadagnate abbastanza, il prezzo dell’usato è davvero un’affare. Esemplari del 2008/2009 con un chilometraggio compreso tra i 50.000 e i 60.000 km si possono trovare a poco più di 30.000 euro. Non lasciatevi intimorire dagli esemplari con chilometraggi alti, i due V8 sono entrambi robusti, piuttosto assicuratevi che non siano state usate troppo in pista.
Per quanto riguarda l’usabilità, la C63 vince di poco per un maggior comfort e una seduta più morbida. La BMW è meglio sceglierla manuale, dato che la prima versione del cambio DKG era un po’ delicata.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Auto sportive usate: M3 vs C63 AMG

L'opinione dei lettori