• pubblicato il 24-10-2011

BMW serie 6 Coupé

di Adriano Tosi

Dopo la cabrio, anche la versione "chiusa" si rinnova.

VALUTAZIONE
4/5

L'era Chris Bangle, adesso, è definitivamente archiviata (e per i tradizionalisti del marchio questa è già una buona notizia). Con il debutto della serie 1 di seconda generazione e del terzo modello della serie 6 Coupé (qui il video), infatti, l’eredità del discusso designer americano si può considerare esaurita. Un passaggio di consegne che balza subito all’occhio guardando la nuovissima due porte.

A caratterizzarla sono infatti tratti più classici, molto più in linea con la tradizione BMW rispetto alle fughe in avanti (leggi baule “appoggiato” sulla coda, per esempio) della vettura che va a sostituire. Classico, però, non significa banale. La 6 Coupé esprime personalità BMW da qualsiasi prospettiva, a partire dal doppio rene, qui più schiacciato rispetto a serie 5 e serie 7, fino ai fanali posteriori, reinterpretati in chiave sportiva ma ispirati a quelli del resto della gamma e della storia dell’Elica.

Quello che non cambia, invece, è la voglia di stupire nel campo della tecnologia, in particolare quando si parla di motore e cambio. La versione da noi provata (l’unica disponibile il giorno del test drive) è la 640i. Una sigla – 40 – che, come accade ormai da diversi anni, non indica la cilindrata. La 640i non è 4 ma 3 litri, “dopati” mediante l’adozione del TwinPowerTurbo, la sovralimentazione Twin Scroll che dispensa miracolosi valori di potenza e coppia. Un motore più volte elogiato su queste pagine e che non mostra la minima incertezza nemmeno di fronte a 1.735 kg. La spinta inizia a 1.000 giri, tocca l’apice a 1.500 e non mostra flessioni fino a quota 7.200, quando l’elettronica del cambio inserisce il rapporto successivo (anche nel caso in cui sia impostata la modalità manuale). A proposito, la trasmissione è firmata ZF: un 8 marce con convertitore di coppia, rapido ai livelli di un doppia frizione e con il vantaggio di una maggiore fluidità nell’uso normale. In modalità sportiva, invece, i passaggi di marcia si fanno più bruschi: una risposta espressamente ricercata dagli ingegneri tedeschi per conferire un feeling sportivo. Non solo, fra gli input del guidatore e l’esecuzione della cambiata passano solo pochi istanti, col risultato che ci si sente padroni in ogni momento della dinamica della vettura. Altrettanto non si può dire dello sterzo: tra le ruote anteriori e le mani c’è infatti molta elettronica. Con l’Integral Active Steering (2.000 euro per la versione base, di serie sulla Futura), non solo la servoassistenza ma anche il rapporto di demoltiplicazione è variabile in funzione della velocità. Un altro “filtro” è costituito dal retrotreno a ruote sterzanti, soluzione già adottata su serie 7, serie 5 GT e serie 5. Un sistema molto complesso che se da un lato conferisce un’insospettabile agilità dall’altro rende la guida un po’ “artificiale”. Con pochissimi gradi di rotazione del volante la vettura cambia direzione in modo deciso, ma è difficile capire lo stress dei pneumatici. Detto questo, i limiti di tenuta in curva sono elevatissimi, grazie anche al Dynamic Damper Control (1.320 euro) che permette di scegliere lo smorzamento degli ammortizzatori secondo le proprie preferenze.

Quanto al comfort, illuminanti sono le parole del direttore della comunicazione BMW, secondo le quali la sportività della serie 6 è “on demand”. Tradotto: il relax a bordo è l’obiettivo primario. Dichiarazioni supportate dalle sensazioni raccolte su strada. L’isolamento acustico è pari a quello della serie 7 (attenzione alla patente…) e le sospensioni “appiattiscono” qualsiasi tipo di asperità. Peccato solo che i posti posteriori siano davvero ristretti, soprattutto a livello ginocchia: se chi è davanti è alto almeno 180 cm, dietro c’è posto solo per due bambini.

Accanto alla 640i ci sono la 650i (4.4 V8 biturbo da 407 CV), la 650i xDrive a trazione integrale e la 640d: 3.0 diesel da 313 cavalli.

SCHEDA TECNICA
  • Motore
    6 cilindri in linea / 2.979 cc
  • CO2
    179 g/km
  • Potenza
    320 CV @ 5.800 giri
  • Coppia
    450 Nm @ 1.300-4.500 giri
  • 0-100 km/h
    5,4 secondi (dichiarati)
  • Velocità
    250 km/h (autolimitata)
  • Prezzo
    84.601 €
  • In vendita
    adesso
BMW serie 6 Coupé

L'opinione dei lettori