• pubblicato il 13-01-2016

Aspirazione naturale

di Francesco Neri

Con le nuove norme sulle emissioni è sempre più difficile trovare auto sportive con motori ad aspirazione naturale, vediamo le migliori rimaste in listino

Il sound cristallino, la fame di giri, la risposta all’acceleratore immediata. Ci sono tante valide ragioni per cui il motore aspirato è considerato il migliore, almeno per certe vetture.
Quando devi essere pulito nella guida, avere una riposta diretta con l’acceleratore e poter parzializzare con cura il gas risulta fondamentale, così come è importante un’erogazione lineare che cresce con l’avvicinarsi del limitatore. I motori turbo di oggi, c’è da riconoscerlo, hanno un che di miracoloso. Basta osservare il risultato ottenuto con la Ferrari 488 GTB: il turbo lag è stato annullato e la progressione e il sound sono (quasi) da motore aspirato.
Sono convinto che chiunque abbia fatto un giro sulla Nissan GTR o sulla McLaren 650 S si sia innamorato della spinta assassina che il biturbo è in grado di dare. Ma la spinta non basta a farci dimenticare l’urlo di un V12 a pieni polmoni.
Vediamo insieme i migliori motori aspirati rimasti, gli ultimi della loro era.

Lamborghini Huracan

Le auto equipaggiate con un motore V10 si contano sulla punta delle dita, la Huracan  è una di queste. Il suono dei dieci cilindri 5.200 cc è dolce e armonioso, mentre l’erogazione è lineare e consistente per tutto il range di giri. I 610 Cv prodotti da questo gioiello arrivano a quota 8.250 giri, regime in cui la Lambo vi spara verso l’orizzonte accompagnati da una colonna sonora mitologica.

Corvette Stingray

"Cavalli americani”, così si dice, no? La Corvette ha un signor motore aspirato made in USA, con “solo” 466 Cv, è vero, ma con abbastanza coppia da trainare una nave. Il suo V8 da 6,2 litri non ha niente a che fare con quelli europei: il suono è più simile ad un ringhio piuttosto che ad un urlo, mentre i 630 Nm disponibili fin dai bassi regimi spingono l’auto senza forza in qualsiasi marcia.
La rotondità del propulsore è tale da rendere superfluo l’utilizzo del cambio, basterebbe tenere la quarta per l’80% delle curve.

Maserati Gran Turismo

Dai brontolanti e coppiosi cavalli americani passiamo ai purosangue modenesi. Maserati è un brand quasi ribelle, e la Gran Turismo è sicuramente una delle vetture più sexy che la casa abbia mai creato.
Il suo V8 4,7 litri sviluppato con Ferrari è uno strumento musicale perfettamente accordato, il suono è così incredibile che varrebbe la pena acquistare l’auto solo per sgasare da fermi.
Il gorgoglio metallico al minimo si trasforma col crescere dei giri in un urlo minaccioso ricco di sfumature, con tanto di scoppiettii e gorgoglii in rilascio.

Porsche 911 GT3 RS

Il boxer Porsche è sempre stato uno dei motori aspirati migliori. Il nuovo 3.8 litri della GT3 RS ha sostituito il “vecchio” Metzger della 997, lasciando qualche appassionato sfegatato un po’ scettico. Ma basta tirare una marcia del 3,8 da 500 CV per far scomparire ogni dubbio.
La velocità con cui la lancetta del contagiri corre verso la zona rossa è tale chiedersi se sia possibile. Il sound del motore, come l’aspetto della macchina d’altronde, è degno di una vettura da competizione.
La risposta è così immediata e diretta che basta solo pensare di accelerare per essere sparati in avanti, mentre le doti canore dei sei cilindri spaziano da un basso brontolio metallico fino a raggiungere un ululato forsennato a 8.250 giri/min.

Ferrari F12 berlinetta

Il V12 è il motore migliore del mondo, e non me lo sto inventando. Le migliori auto della storia montavano questo propulsore, McLaren F1 inclusa.

La F12 Berlinetta con buone probabilità sarà l’ultima a montare un motore V12 aspirato tra le Ferrari moderne. Il 6,2 litri a V di 65 gradi è un gioiello: sviluppa 740 incredibili cavalli a 8.250 giri/min e 690 Nm di coppia. I dodici cilindri della F12 spingono con tale foga e determinazione verso il limitatore che è difficile contenere il fiume di adrenalina che vi attraversa. La violenza con cui il motore risponde alla pressione del gas è sconcertante, e il latrato a pieni giri è spaventoso.

Quelli qui elencati sono tutti motori incredibili appartenenti ad auto altrettanto speciali, gli ultimi rimasti naturalmente aspirati in un panorama di turbine. Purtroppo o per fortuna, il mondo sarà un luogo molto più silenzioso senza di loro.

Aspirazione naturale

L'opinione dei lettori