• pubblicato il 16-04-2012

Audi S4: consuma meno e ha una guida migliore

di David Vivian

Con il nuovo V6 con compressore da 333 CV tocca i 100 km/h in 5 secondi.

VALUTAZIONE
4/5

Questo è il massimo che c’è. Almeno fino a quando verrà messa sul mercato la nuova RS4, destinata a far rivivere le glorie della sua antenata del 2006, la S4 è l’incarnazione più spinta dell’attuale A4. Anche se, a ben guardare, tanto spinta poi non è, visto che il V6 TFSI da 3 litri con compressore da 333 CV e 439 Nm di coppia è lo stesso della vecchia versione. È vero, lo 0-100 passa a 5 secondi netti ma quel decimo di secondo in meno è irrilevante. La nuova S4 non prova nemmeno a essere hardcore, anzi sembra quasi che per la Casa di Ingolstadt questo sia un insulto.

La S4 non sarà più veloce dell’antenata, ma in compenso è più efficiente. Con lo start-stop, il sistema di recupero dell’energia in frenata, lo sterzo elettromeccanico e la modalità Efficiency che va ad unirsi a Comfort, Auto e Dynamic nell’Audi Drive Select system, i consumi nel ciclo combinato infatti passano da 13,2 a ben 15,8 km/l. La trazione integrale quattro è la stessa e il differenziale sportivo – che distribuisce la potenza tra le ruote posteriori quando serve, così da migliorare la stabilità al limite – rimane optional. Le modifiche alle sospensioni quasi completamente in alluminio della S4 – con i suoi cinque link davanti e il link trapezoidale dietro – si limitano a piccoli miglioramenti agli ammortizzatori e ai braccetti delle sospensioni posteriori per garantire una guida più confortevole.

In Audi non amano il termine “facelift” anche se è innegabile che le S4 berlina e station wagon sono state sottoposte a più interventi di una star hollywoodiana di mezz’età. L’ultima versione si è concentrata sulla zona di paraurti, cofano, fari e griglia e il risultato è un anteriore dalla forma più definita e dettagli più decisi. Le luci e le prese d’aria, in particolare, sono più spigolose di un tempo e i fari sono dotati di led. Anche quelli posteriori adesso sono più eleganti. Dentro, l’Audi non ha mai mostrato molta fantasia: le modifiche sono minime, ci sono alcune nuove combinazioni di colori, un design leggermente diverso del volante e un interfaccia MMI semplificata. Nient’altro.

La tecnologia delle Audi più grosse adesso è disponibile anche per la S4, anche se solo come optional. Stiamo parlando per esempio dell’interfaccia telefonica top di gamma che offre servizi online come i punti di interesse di Google e la navigazione tramite Google Earth. Questo sistema permette anche di generare un hotspot WLAN all’interno dell’abitacolo, così da offrire un collegamento wireless a internet con telefoni e computer. Un’altra novità è il cruise control adattivo migliorato, un sistema che avvisa del cambio di corsia e una funzione di “break recommendation”. Quest’ultima tecnologia monitora i movimenti dello sterzo e l’uso di pedali e cambio alla ricerca di input irregolari o troppo improvvisi da parte del guidatore. A quel punto lo allerta con una spia e un allarme sonoro, suggerendogli di fare una pausa.

Quando si sale a bordo, ci si ferma un attimo a chiedersi perché quei bellissimi sedili sportivi non sono abbastanza sostenitivi, ad ammirare le finiture e i dettagli dell’abitacolo e poi si preme lo start per accendere il motore stranamente poco sonoro e partire in cerca di divertimento.

La personalità della S4 è difficile da decifrare. Chiaramente non è pensata per essere la più pepata della gamma – per quello ci sarà la RS4 – ma il suo V6 con compressore è perfettamente in grado di spararvi verso l’orizzonte con una botta da far invidia alla M3 o alla C63 AMG. Eppure, allo stesso tempo è tranquillizzante. Naturalmente per alcuni è questo il bello della S4: la sua sofisticata maturità, la sua docilità, la sua “Audità” a tutto tondo. Un istante è una paciosa cruiser e l’istante dopo è una superberlina aggressiva e grintosa. Ma tende più alla prima che alla seconda: per natura, semplicemente non è quel genere di auto che ti fa prudere le mani dalla voglia di guidarla né ti manda in escandescenza ogni volta che ti trovi su una strada tutta curve. Ma considerando la sua leggerezza un po’ sconcertante e le risposte fin troppo dirette dello sterzo elettrico a bassa velocità, dà il meglio quando si tiene un buon ritmo.

Oggettivamente la S4 è veloce, ricca di grip, sicura e decisa. Sopra i 65 km/h diventa sostanziosa e precisa e ispira tanta fiducia anche se rimane sempre un po’ insensibile. La S4 adora essere infilata nelle curve con una certa violenza: più la strapazzate e più le piace, specialmente con il Drive Select control in modalità Dynamic. In questo modo l’anteriore mira con maggior precisione il punto di corda e, se si esagera col gas in uscita, parte anche un sovrasterzo di potenza.

I suoi punti di forza sono il V6 e il doppia frizione a sette marce, davvero coinvolgenti. Il V6 è un gran motore, con una gamma di utilizzo molto ampia ed eroga la potenza in modo lineare e praticamente continuo, anche grazie agli innesti rapidissimi e quasi impercettibili del cambio S Tronic. Ogni cambio marcia è sottolineato da uno scoppiettio proveniente dallo scarico. Le scalate tramite paddle sono perfette e i freni sono potenti.

Ma per quanto il suo ritmo di guida sia efficace, la S4 è così distaccata che finisce per essere più impressionante che coinvolgente. Precisa, efficiente, rassicurante: queste doti non le mancano. Ma di certo non si può dire che sia agile, leggera e facile da posizionare e correggere. Questa è l’auto che sceglie chi vuole arrivare a destinazione il prima possibile. Ma scordatevi l’adrenalina. Se questo per voi non è un problema allora siete a cavallo: la S4 è un affare. La berlina costa 58.400 euro, l’Avant 60.000. Considerando le loro prestazioni, la trazione integrale e la qualità costruttiva e di finiture sono una vera tentazione rispetto alla pur più potente BMW M3 da 71.995 euro e la Mercedes C63 AMG da ben 73.539 euro. L’attesa RS4 con i suoi 540 CV (circa) dovrà darsi da fare per eclissare la sua sorellina. E questa di sicuro è una bella prospettiva.

SCHEDA TECNICA
  • Motore
    V6, 2.995 cc, compressore
  • CO2
    190 g/km
  • Potenza
    333 CV @ 5.500-6.500 giri
  • Coppia
    439 Nm @ 2.900-3.500 giri
  • 0-100 km/h
    5,0 secondi (dichiarati)
  • Velocità
    250 km/h (autolimitata)
  • Prezzo
    58.400 €
  • In vendita
    adesso
Audi S4: consuma meno e ha una guida migliore

L'opinione dei lettori