• pubblicato il 19-12-2016

Auto Sportive - Top 5 Ferrari

di Francesco Neri

La nostra classifica personale delle 5 Ferrari migliori di sempre

È dura dove scegliere, quando c’è di mezzo Ferrari. Qualche cliente fortunato ha la possibilità di comprarsele tutte, qualcun’altro invece è costretto a farsi i conti in tasca di fronte ad una 488 GTB e ad una F12 Berlinetta. Io purtroppo non ho di questi problemi, ma un problema, di fatto, c’è. Come faccio a stendere una classifica delle 5 Ferrari migliori di sempre? Di fatto è impossibile. Non tanto perché 5 sono davvero troppo poche, ma perché è impossibile stabilire dei criteri assoluti per poter decidere. Prestazioni? Linea? Storia? Affidabilità? Prezzo? No, credo che il modo migliore per scegliere una Ferrari sia solo uno: cuore. Su questo si basa il mondo Ferrari.
Quindi questa classifica, per forza di cose, è una classifica personale, di quelle che ritengo le migliori Ferrari di sempre. Ne ho dovute escludere parecchie e l’indecisione è stata tanta, ma alla fine ho fatto la mia scelta.

5 - Ferrari 430

L’unica Ferrari moderna della mia lista è la F430. Perché lei e non la 458? Prima di tutto per la linea, che, a parer mio, concilia eleganza e sportività come poche altre Ferrari nella storia. La 458 è troppo spigolosa fuori e troppo navicella spaziale dentro, figlia di un percorso stilistico intrapreso dalla Casa che non ho mai apprezzato fino in fondo. La F430 poi non è bilanciata solo nell’estetica, è anche potente il giusto (490 Cv possono bastare), facile in ogni situazione, ma rabbiosa quando lo volete. È sfruttabile, la prima vera Ferrari da tutti i giorni. È la prima Rossa che comprerei, se potessi.

4 - F355

C’è una nota, a circa 8.500 giri, che mi fa venire la pelle d’oca ogni volta. Acuta, melodiosa, sguaiata. I V8 Ferrari hanno sempre avuto una bella voce, ma quello della F355 è speciale. Il 3,5 litri da 380 CV ha 5 valvole per cilindro, e la differenza di musica rispetto a quello a 4 valvole (come quello della F430) si sente. Ma la F355 non è solo motore. È un’auto difficilina da guidare, e nemmeno così veloce come si potrebbe pensare. Ma è meravigliosa. Gialla, Blu, o rossa che sia, ha una linea senza tempo. Le proporzioni sono quasi perfette.

3 - Testa Rossa

La Ferrari Testarossa è forse una delle Ferrari più iconiche nell’immaginario collettivo. Se non esistesse già, toccherebbe a lei il nome di “LaFerrari”. L’opera di Pininfarina emette un suono meraviglioso, il V12 boxer da 5,0 litri non solo conosce mille note e sfumature, ma erogava già nel 1984 ben 390 CV; abbastanza per permetterle di raggiungere i 290 km/h. Ma quello che più mi affascina della Testarossa sono le proporzioni: è così bassa e larga, con quelle fiancate scavate e muscolose che trasudano cattiveria. Per non parlare della griglia nera posteriore, dei fari anteriori a scomparsa e del cofano motore bombato. Eccezionale.

2 - 550 Maranello

Va ricordato che a Maranello non sanno fare solo berlinette a motore centrale, ma anche sensazionali gran turismo. Credo che sarete d’accordo con me se dico che la Ferrari 550 Maranello è probabilmente una delle migliori GT di tutti i tempi. Cofano lungo, lunghissimo, un V12 5,5 litri da 485 CV con una colonna sonora da oscar e degli interni classici, puliti, e ancora attuali.
Nel 1996 la sua linea era avveniristica, pensate che è stata a prima Ferrari con motore V12 anteriore dopo tantissimi anni (la 550 sostituiva la 512 TR, evoluzione della Testarossa), e tutt’ora mantiene il suo fascino.

1 - Ferrari F40

Dio salvi la Regina. Mettete accanto alla F40 una qualsiasi supercar moderna e lei sarà ancora in grado di prenderla a sberle. Ovviamente sul tempo sul giro al ring si prenderebbe una manciata di secondi (se riuscite a concludere il giro nella vostra pelle), ma in quanto a emozioni non c’è auto che tenga. Da dove comincio…Ecco, dal motore. Il V8 2.9 litri biturbo è il simbolo degli Anni Ottanta: una fabbrica di rumore fino a 4.000 giri, finché le due turbine cominciano a soffiare e i 478 CV a lanciarvi verso l’orizzonte. Dal vivo e bassissima, con questo muso così spiovente e sottile che sembra voler scavare l’asfalto. Ma il posteriore, con l’alettone fisso e i quattro fari tondi, è la parte che preferisco. Non ho alcun dubbio: è lei la migliore Ferrari di sempre.

Auto Sportive - Top 5 Ferrari

L'opinione dei lettori