• pubblicato il 25-11-2013

Maserati Ghibli: 16 anni dopo

di Marco Coletto

Costa 40.000 euro meno della sorella maggiore Quattroporte, ma la differenza di prezzo corrisponde a un minor piacere di guida?

VALUTAZIONE
4/5

QUESTA È LA NUOVA Maserati, un modello critico per il successo della Casa nei prossimi anni. Per la Ghibli le previsioni di vendita sono di 25.000 esemplari l’anno entro il 2015, un bell’aumento rispetto ai 6.300 complessivi nel 2012 di tutti e tre i modelli Maserati presenti a listino.

Pur essendo basata sulla Quattroporte, la Ghibli dovrebbe essere più sportiva della lussuosa sorella e consentire alla Maserati di competere ad armi pari nella nicchia in espansione che comprende modelli come la Mercedes CLS e la BMW serie 6 Gran Coupé. Con il passo più corto di 173 mm e 291 mm in meno rispetto alla Quattroporte, il look della Ghibli ci guadagna e, anche se gran parte delle sospensioni sono in comune con la Quattroporte, la Ghibli ha la carreggiata leggermente più larga (rispettivamente di 1 mm davanti e di 6 mm dietro) che le regala un look più aggressivo. È anche più leggera di 180 kg, pur pesando comunque 1.810 kg, parecchi per questo genere di auto.

Passiamo all’interno: la plancia sembra più ergonomica di quella della Quattroporte. C’è lo stesso grosso schermo da 8,4 pollici ma tutto il resto è più pulito. I sedili scolpiti sembrano invitanti e tutto l’abitacolo trasuda lusso, soprattutto rispetto alle rivali tedesche.

Per il momento, la Ghibli è disponibile in tre motorizzazioni: un V6 3.0 biturbo da 330 CV per la Ghibli standard e da 410 CV per la Ghibli S e un V6 3.0 turbo da 275 CV, il primo diesel di tutta la storia del Tridente. C’è anche l’opzione della trazione integrale (Q4, per usare la terminologia Maserati). Poiché alla presentazione per la stampa non era presente neanche una Ghibli S a trazione posteriore, abbiamo deciso di ripiegare sul modello meno potente.

Tutte le Ghibli hanno il sistema keyless di serie, per accenderle quindi basta premere un pulsante sul cruscotto. Così facendo l’abitacolo viene immediatamente inondato dal borbottio del V6 che vi sussurra che siete al volante di una macchina davvero speciale. È un bel modo di partire e ti mette di buon umore prima ancora di muoverti di un millimetro. Come sempre, le cambiate dello ZF a otto marce sono precise e rapide e aiutano l’auto a toccare facilmente i 100 km/h nei 5,6 secondi dichiarati e a procedere spedita fino alla velocità massima di 263 km/h. Secondo la Maserati, le cambiate della Ghibli (0,15 secondi in modalità Sport) sono le più veloci in assoluto per questa trasmissione, montata anche su altri modelli.

L’azienda modenese ha deciso di mantenere il servosterzo idraulico invece che passare all’elettrico, perché è convinta che a livello di sensibilità sia migliore. Lo sterzo è sostanzioso al punto giusto, ma non si può dire che sia veramente sensibile. In compenso, il telaio è molto equilibrato, ha una distribuzione dei pesi dichiarata di 50:50 e si sente. La Ghibli è una di quelle auto che ti incoraggia a disattivare il traction control e a goderti i semplici piaceri che può offrirti un buon telaio a trazione posteriore. Dopo la mia prima volta con la Quattroporte V8, con l’anteriore così pesante, questo modello – che con la Quattroporte ha molto in comune – è una vera rivelazione e ben presto mi diverto a tirare il collo al V6 biturbo tra le curve. Ma su questa strada stretta e tortuosa non c’è modo di nascondere le dimensioni della Ghibli e il suo peso di quasi due tonnellate. Se però la si guida più rilassati la Maserati è fantastica e gli ammortizzatori Skyhook a due stadi (optional) in modalità Comfort assorbono benissimo le sconnessioni peggiori.

La Maserati Ghibli si rivela molto più divertente di quanto mi aspettassi, ma la miglior notizia forse è che sembra molto più lussuosa del suo cartellino del prezzo di 69.132 euro. Sono 40.000 euro meno della Quattroporte V6, ma non sembra assolutamente inferiore, a parte lo spazio posteriore per le gambe, che è un po’ sacrificato. Se dovessi scegliere, preferirei un telaio più coinvolgente e un look più incisivo, ma sono gusti personali. La questione fondamentale è: è all’altezza delle rosee aspettative di vendita della Maserati? Da questa prima guida direi proprio di sì.

SCHEDA TECNICA
  • Motore
    V6, 2.979 cc, biturbo
  • CO2
    223 g/km
  • Potenza
    330 CV @ 5.000 giri
  • Coppia
    500 Nm @ 1.750-4.500 giri
  • 0-100 km/h
    5,6 secondi (dichiarati)
  • Velocità
    263 km/h (dichiarata)
  • Prezzo
    69.132 euro
Maserati Ghibli: 16 anni dopo

L'opinione dei lettori