• pubblicato il 21-01-2016

Nissan GTR, la miglior sportiva usata

di Francesco Neri

Una delle migliori sportive che sia uscita dai cancelli di Casa Nissan esce dal listino, in attesa di un modello tutto nuovo. Sul mercato dell’usato si trovano occasioni molto allettanti.

La Nissan GTR è un'auto eccezionale: non avrà il pedegree delle rivali più blasonate, ma in quanto a prestazioni non ha da invidiare niente a nessuna.
La GTR non è più in listino e presto arriverà un modello tutto nuovo, ma il suo ultimo prezzo di poco superiore ai 90.000 Euro è sempre stato incredibile. Sul mercato dell’usato, invece, si trovano esemplari con pochi km a meno di 50.000 Euro, praticamente il prezzo di un’Audi A4 con qualche accessorio.

È vero, i costi di mantenimento sono quelli di una supercar, e non mi riferisco solo ai consumi: tagliandi, gomme e freni costano cari. Se le vostre finanze, però, sono sufficienti per convivere con tutto ciò, sarebbe un crimine non mettersi in garage una GTR.

Non ascoltate chi la critica per essere un’auto senza anima e poco coinvolgente: o sta mentendo, o non ne ha mai guidata una. I dati non rendono bene l’idea delle sue prestazioni; il V6 biturbo da 3.8 litri eroga (nella versione 2008) 480 Cv e 600 Nm di coppia, mentre il peso dichiarato è di 1744 kg. Nel corso degli anni la GTR è stata aggiornata, la potenza è cresciuta e le prestazioni sono migliorate. L’ultima versione eroga 550 cv e 630 Nm di coppia, abbastanza da lanciarla da 0 a 100 in 2,7 secondi. In ogni caso, diverse riviste specializzate nel corso di diversi test hanno rilevato potenza e coppia maggiori rispetto a quelle dichiarate.

La GTR è l’auto perfetta per spaventare gli amici. Spinge così forte da essersi meritata il soprannome di “baby Veyron”, ma la ferocia con cui vi spara sul rettilineo non è la sua unica dote.

Il sistema di trazione integrale è uno dei più complicati che abbia mai visto: dal motore (anteriore) parte un albero di trasmissione che trasferisce la potenza alle ruote posteriori, che a loro volta sono collegate ad un secondo albero che trasferisce la coppia alle ruote anteriori. In questo modo la GTR si comporta come se fosse una vettura a trazione posteriore che trasferisce la coppia “davanti” solo quando necessario.

Sull’asfalto asciutto la trazione è immensa. Si può uscire dalle curve pestando decisi sul gas con l’auto leggermente in sovrasterzo e un controsterzo di pochi gradi, mentre i differenziali lavorano per non dissipare nessun Nm di coppia. Il ritmo che la GTR riesce a tenere su strada è folle, tanto folle che il vostro istinto di sopravvivenza (a meno che abbiate tendenze suicide) vi fermerà molto prima di raggiungere il limite dell’auto.

La Nissan GTR non è un peso piuma e nelle staccate violente, soprattutto in pista, la massa extra si fa sentire. Per il resto del tempo, però, l’auto sembra molto più leggera di quanto dica la bilancia, e il grip è così fenomenale che la GTR sembra aver fatto un patto col diavolo per poter piegare le leggi della fisica a suo piacimento.

Staccando tutti i controlli elettronici vivrete un esperienza unica, molto diversa da quella che provereste alla guida in una Ferrari 458 o di una Porsche GT3, ma ugualmente intensa. Il bello è che la Nissan è un’auto che può essere usata tutti i giorni, non tanto per i quattro posti (dietro c’è posto solo per chi ha perso entrambe le gambe), ma per la sua docilità alle basse andature. Nel traffico è docile e silenziosa, la visibilità è buona e la trazione integrale assicura quel grip extra nelle giornate piovose. L’assetto è molto rigido in qualsiasi modalità selezionata, ma a parte questo, la GTR, oltre ad essere un missile terra-aria, è anche un’ottima compagna nella vita quotidiana.

Gli annunci del mercato dell'usato sono molto allentanti: esemplari del 2009 con pochi km (attorno ai 40.000) si trovano a meno di 50.000 Euro, mentre i modelli datati 2011 (quelli da 530 CV e assetto e aerodinamica aggiornati) si trovanno attorno ai 65.000 Euro.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Nissan GTR, la miglior sportiva usata

L'opinione dei lettori