Auto Sportive

Nissan Sunny GTi-R, la rallysta sconosciuta

La Nissan Sunny GTi-R è stata una delle protagoniste della storia del rally, e un'ottima sportiva stradale

di Francesco Neri -

Rally e Anni ’90, che bella unione. Certo, il gruppo B vantava “Formula Uno” da strada, bolidi esotici e incredibili, ma la realtà è che trovavo molto più fascino in quelle Subaru Impreza e Delta HF che passavano sotto la finestra dell’aula della mia scuola. Le regine del rally degli anni ’90 erano molto più vicine alle vetture stradali (ditemi quante Delta S4 stradali avete visto nella vostra vita).
Tra un Subaru, una Mitzu e una Delta – qualche volta una Celica -, ogni tanto mi sfilava sotto gli occhi una Nissan Sunny GTi-R.

LA NISSAN SUNNY GTI-R

Nata per competere con le vetture sopra citate, la Nissan Sunny GTi-R è stata prodotta per poco (1991-1994) e in pochi esemplari (1500 unità circa).
Di fatto, è una sorta del brutto anatroccolo del mondo del Rally, ma sotto quell’estetica pasticciata dall’aria tuning, nasconde una meccanica sofisticata. Sotto il cofano della Sunny c’è un quattro cilindri 2,0 litri SR20DET turbo capace di erogare da 227 CV a 6.300 giri e 267 Nm di coppia massima a 4.800 giri. Sono numeri che oggi fanno sorridere, se comparati con quelli delle hatchback dei nostri giorni, ma anche il suo peso – e le sue dimensioni – appartengono ad un’altra era. Con soli 1220 kg a secco, i 227 CV sono sufficienti a sparare la Sunny GTi-R da 0 a 100 km/h in 5,7 secondi, fino alla velocità massima di 232 km/h.

Questo grazie anche al sistema di trazione integrale ATTESA Ets, lo stesso equipaggiato dall’allora avanzatissima sorella maggiore Nissan Skyline R32, abbinata ad un cambio manuale a 5 marce. La gommatura davvero modesta (195/45/14) nasconde però un impianto frenante performante, con dischi da 305 mm all’anteriore e da 278 mm al posteriore.

LE VERSIONI SPECIALI

La Nissan Sunny GTI-R è stata costruita anche in due versioni speciali: la RB e l’immancabile Nismo. Nel primo caso si trattava di una versione più “pura”, priva di ABS, alleggerita e resa più spartana: grazie a questo il peso diminuiva di 30 kg.
Di versioni Nismo, inevece, ne furono prodotte solamente 22. In sostanza si trattava di una versione RB con più possibilità di personalizzazione. Si poteva installare il rollcage da corsa, sospensioni più sportive, i sedili da corsa e un differenziale anteriore autobloccante.

Inoltre, esisteva una versione più sportiva, denominata RB (Beta/Rally) alleggerita di 30 kg, non dotata di ABS e con degli interni più spartani.