Auto Sportive

Radical RXC, killer di supercar

Devastante in pista e “godibile” su strada. Se cercate vere emozioni racing…

di Francesco Neri -

L’idea di auto sportiva “sfruttabile” del costruttore inglese Radical si chiama RXC. Più che sfruttabile, la RXC direi che è appena utilizzabile. Di fatto, è un prototipo di Le Mans omologato per l’uso stradale: telaio tubolare, carrozzeria in vetroresina, aerodinamica estrema, appendici in fibra di carbonio, cambio sequenziale e (quasi) zero elettronica. Ci sono anche dei “comfort”, se il clima, i tergicristalli e lo sbrinatore possono essere considerati tali, ma sarebbe come mettere uno schermo a LED in una tenda e dire che si tratta di un loft. Anche il cruscotto non è propriamente lussuoso: volante racing, sedili da corsa con cinture a quattro punti e cruscotto digitale sono tutto ciò che troverete, insieme a qualche levetta e qualche pulsante per le funzioni primarie. Gli unici dati che dovrebbero interessarvi sono il peso e la potenza: l’ago della bilancia si ferma a 900 kg e dietro il sedile del guidatore “vive” un 3,7 V6 Ford da 425 CV, capace di lanciare l’auto da 0 a 100 km/h in 2,8 secondi fino a 280 km/h di velocità massima. Insomma la Radical RXC fa sembrare una Porsche GT3 una comoda auto da viaggio e una Lotus un giocattolino, ma come andrà su strada?

PER LA STRADA, O QUASI

Un prototipo vive tra i cordoli, ma la Radical RXC è davvero utilizzabile per strada, se siete pronti a scendere a qualche (forse più di qualche) compromesso. Partiamo dal presupposto che calarsi nell’abitacolo, passando attraverso le portiere ad ali di gabbiano, non è impresa facile, e che l’auto è così bassa da decapitare ogni insetto sfortunato che si trova sulla sua strada. Ma, detto questo, il V6 è pastoso e civile e l’auto è estremamente docile e intuitiva. Non è certo a suo agio in città, ma sui passi di montagna (magari scegliete un periodo caldo) risulta semplicemente fantastica. È velocissima ma mai spaventosa o intimidatoria: è un’auto che si sente con i fianchi, e spesso vi racconta che vi trovate molto sotto il limite e che potrebbe sopportare molta più potenza. Le Dunlop semi-racing quando entrano in temperatura diventano come unghie di un gatto conficcate nel divano. Sul misto veloce, dove l’aerodinamica comincia fare la sua magia, è semplicemente micidiale.
Lo sterzo è così collegato e preciso che vi sembra di avere le mani sulle ruote; vi incoraggia ad una guida ferma, pulita.

KILLER TRA I CORDOLI

In pista è difficile che qualcuno riesca a starvi dietro. Frena così tardi, accelera così velocemente e rimane così incollata e stabile nei curvoni veloci da farvi sembrare che il mondo vada al rallentatore. E che la Radical RXC con motore V6 3,7 è la versione più tranquilla, volendo c’è anche la versione turbo da 530 CV, ancora meno gentile con i vostri organi.
Il prezzo? Circa 130.000 euro.