• pubblicato il 14-02-2016

Icone sportive: La Toyota AE86 “Sprinter Trueno”

di Francesco Neri

Una delle pietre miliari del drifting e del motorsport giapponese, nonché “nonna” della GT86. Stiamo parlando della Toyota AE86 Sprinter Trueno.

Sento la parola Trueno e penso a Takumi che drifta su e giù per il monte Akina trasportando il tofu. Non avete idea di cosa stia parlando, vero? "Initial D" è un manga giapponese che parla di un ragazzo asso del drift, ma non è questo il punto, il punto è che guida una Toyota AE86 Sprinter Trueno.

Quest’auto strana dal nome altrettanto strano è divenuta un cult, non solo per merito del Manga.

La sua semplicità e le sue caratteristiche tecniche la rendono un’auto estremamente portata per il drifting. Ma andiamo con ordine.

Toyota AE86 Sprinter Trueno: una Corolla sportiva

La sigla “AE86” della Sprinter Trueno indica il modello a trazione posteriore con motore millesei aspirato. La sigla, per quanto dficcile da decifrare, non è casuale: la “A” indica infatti il propulsore (4A) dell'auto, mentre la “E” indica che ii modello dell vettura. La cifra 8 indica invece la generazione del modello, la quinta in questo caso, al suo sesto statio evolutivo, quindi 86.

I modelli prodotti di AE86 furono due: la Levin e la Trueno, quest'ultima quella decisamente più di sucesso. La parola “Trueno”, per quanto suoni strana per noi italiani, in spagnolo significa tuono, mentre “Levin” in inglese antico significa fulmine. I giapponesi, invece, la conoscono come Toyota Hachi-Roku "ottantasei". La Toyota Sprinter Trueno era venduta esclusivamente nei Toyota Vista Store; la versione Corolla Levin, invece, veniva vendta in un altro tipo di concessionari, i Toyota Corolla Store.

Sprinter Trueno: voglia di Ottanta

La Trueno ha una linea squadrata e spigolosa tipicamente anni ’80; non sarà una delle auto giapponesi più belle, ma ha fascino da vendere.

I fari a scomparsa per esempio, una delle cose più cool che si siano mai viste su un’auto; oppure la colorazione nero-bianca che taglia in due l’auto.

Con uno 0-100 km/h in 9,0 secondi e 195 km/h di velocità massima, la Toyota AE86 Sprinter Trueno non vi incolla certo al sedile, ma il suo peso leggero (915 kg) e il telaio bilanciato la rendono estremamente piacevole da guidare e facile, e propensa alle elaborazioni.

La AE86 vanta soluzioni tecniche davvero sofisticate per essere un’auto del 1983: monta un motore 4 cilindri aspirato con doppio albero a camme a iniezione da 130 CV e 150 Nm di coppia, una potenza modesta ma sufficiente per divertirsi.

L’arduo compito di trasferire la potenza alle ruote posteriori spetta al differenziale a slittamento limitato, strumento indispensabile per i sovrasterzi.

Anche la geometria delle sospensioni è raffinata sulla Trueno: McPherson all’anteriore e 4 bracci con molle elicoidali al posteriore.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Icone sportive: La Toyota AE86 “Sprinter Trueno”

L'opinione dei lettori