• pubblicato il 24-03-2014

BMW M6 Cabrio by Fostla

di Junio Gulinelli

La vecchia generazione della grande cabrio bavarese ritorna in stile racing

Il preparatore tedesco Fostla, con sede ad Hannover, ha presentato un tuning realizzato sulla base della BMW M6 Cabrio E63, la generazione precedente alla attuale, uscita di listino nel 2012.

Tinta a contrasto giallo perla – nero carbonio

La carrozzeria è stata rivista con una sgargiante colorazione in giallo perlato che contrasta in modo deciso con il nero dei montanti del parabrezza e del cofano motore, realizzati in fibra di carbonio.

Il tetto piegabile in tela, anch'esso rigorosamente nero, non stona e si accosta perfettamente agli altri dettagli scuri della carrozzeria.

Aggiunti anche dettagli aerodinamici, sempre in fibra di carbonio che le danno un tocco marcatamente racing come lo splitter anteriore e i gusci degli specchietti retrovisori.

I fari anteriori e i gruppi ottici posteriori sono stati inoltre scuriti di un 5% per dare un aspetto ancora più aggressivo a questa speciale BMW M6 Cabrio.

Sospensioni più basse e rigide

Dal punto di vista tecnico le modifiche riguardano la dinamica con l'introduzione di una sospensione H&R con molle e ammortizzatori più rigidi e bassi che riducono l'altezza da terra dando un effetto “sfiora asfalto”.

Upgrade per il V10 che sale a 537 CV

Sotto il cofano è stato mantenuto il V10 atmosferico da 5.0 litri originariamente da 507 CV. Alcune modifiche lo hanno potenziato a 537 CV con una coppia motrice di 545 Nm.

E questo upgrade migliora leggermente le prestazioni della M6 Cabrio E63 by Fostla che ora è in grado di scattare da 0 a 100 km/h in 4,3 secondi e di raggiungere la velocità massima, tanto ambita, di 300 km/h (il modello di serie è autolimitato a 250 km/h).

“Sound” da competizione

E, per finire, è stata migliorata anche la “voce del V10. A questo ci ha pensato il preparatore Eisenmann che ha installato un impianto di scarico da competizione fabbricato esclusivamente per questo modello. 

BMW M6 Cabrio by Fostla

L'opinione dei lettori