• pubblicato il 27-02-2012

"Benvenuti al nord": auto (e moto) al cinema

di Alessandro Alicandri

La nuova rubrica di Panoramauto.it racconterà le auto (e le moto) utilizzate nei film italiani (e non solo)

Le auto e le moto italiane danno vita e respiro al grande cinema, oggi più che mai.

Che siano film d'azione (dove sono immancabili) o commedie brillanti, i veicoli di scena sono un elementi irrinunciabili dell'industria dello spettacolo. Sfoggiate in modo promozionale o solo necessarie al racconto, dipingono storia e cultura del nostro Paese. È questo il tema che vogliamo affrontare con voi, da oggi, sulle pagine di Panoramauto.it.

"Benvenuti al Nord" è solo uno degli esempi più recenti di maggior rilievo: la pellicola è ancora nella top 10 dei film più visti in Italia, con un successo di pubblico per Claudio Bisio (nei panni di Alberto) e Alessandro Siani (nei panni di Mattia) che continua ormai da più di un mese con dati di incasso da record. Con cifre che vanno ben oltre i 26 milioni di euro.

Bisio è tornato da alcune settimane al suo storico Zelig in prima serata su Canale 5, mentre Siani è stato uno degli ospiti comici eccellenti di Sanremo 2012 su Raiuno. È per questi motivi che abbiamo scelto di raccontarvi questo film dal nostro punto di vista, quello dei motori. Inaugurando un percorso che speriamo possa appassionarvi, come sta appassionando noi.

Nessun product placement, solo mezzi di scena

Nel seguito di "Benvenuti al sud" per la regia di Luca Miniero, ci sono due i veicoli principali. Sono stati utilizzati solo mezzi di scena senza operazioni di product placement, quindi senza nessun intento pubblicitario contrattualizzato.

Naturalmente per questo tipo di procedure esistono comunque delle forme di contratto, ma che non sono di carattere economico. Quindi, parliamo di pura fornitura di mezzi di scena.

Il caso Moto Morini e la Corsaro Country 125

La prima e anche la più particolare storia legata al film è senza dubbio quella della Moto Morini. È noto ormai da tempi non sospetti (ci sono fonti addirittura nel 2007 che lo dimostrano) la passione Bisio (e del regista Miniero) per il marchio italiano delle due ruote che ha goduto di grande successo negli anni 60' e '70.

Sembra che siano stati proprio loro a richiedere la presenza di uno di questi modelli storici. La ricerca da parte degli ispettori di produzione del film è stata complicata, ma ha portato poi i suoi frutti anche grazie al web (e ai siti dei tanti morinisti uniti nelle loro community).

Il modello utilizzato è stato una Corsaro Country 125. L'operazione arriva in un momento molto particolare per l'impresa, diventata poi
fallimentare e riportata da pochissime settimane in vita da Sandro Capotosti, nuovo direttore dell'azienda, che si appresta al rilancio con nuovi prodotti nella prossima primavera. Un'occasione di visibilità arrivata per un puro "colpo di fortuna". Inaspettato e di buon auspicio.

Fiat Panda, il modello (per fortuna) non aggiornato.

Un caso diverso quello di Fiat. Molti si sono chiesti infatti come mai un film uscito a inizio 2012 presentasse il vecchio modello Panda e non quello in commercio. Le riprese secondo alcune fonti risalgono a inizio estate 2011.

Il modello di Panda che avete visto usare da Mattia (interpretato da Alessandro Siani) è ormai storica, una delle auto top vendite italiane di maggior peso tra le utilitarie, con un particolare successo di pubblico proprio nel sud Italia.

Così, in fin dei conti, l'auto utilizzata in questo modo risulta molto ben inserita nelle dinamiche del film, mostrata quando ad un certo punto Mattia decide di trasferirsi a Milano per raggiungere il suo amico Alberto.

Un caso che si presenta in modo molto diverso dalla nuova Panda nel cinepanettone "Natale a Cortina", le cui riprese sono cominciate invece lo scorso settembre, mostrando la nuova utilitaria Fiat con un intento promozionale.

Le foto dal set che siamo in grado di mostrarvi, sono state ottenute con la collaborazione della società di produzione Cattleya (che insieme a Medusa Film ha collaborato alla realizzazione di questo film), Moto Morini e del Gruppo Gem. Lo scatto della Fiat Panda è di Gianni Fiorito, gli scatti Moto Morini sono stati realizzati da Marina Alessi.

"Benvenuti al nord": auto (e moto) al cinema

L'opinione dei lettori