• pubblicato il 27-11-2014

Motorhome di Mtv: il docu sulle due ruote che tutti dovrebbero vedere

di Alessandro Alicandri

Si chiude la prima stagione del documentario di Mtv dedicato al Campionato Velocita Moto3. Ecco la nostra recensione

Ci hanno divertito, commosso, entusiasmato. Motorhome di Mtv non è solo un documentario sui giovani piloti dei Campionato italiano velocità Categoria Moto3, ma molto di più. È la metafora della vita di chi ha una passione e si scontra (come molti) con la mancanza di soldi.

E dalla determinazione, nascono i sacrifici della famiglia per trasformare quella spericolata passione in un lavoro.

Le cadute, i tempi non gratificanti, i problemi con le moto e i rapporti difficili con il team sono all'ordine del giorno.

Ma ad un tratto, le piccole, poche soddisfazioni, diventano così grandi emotivamente da farti dimenticare tutto il resto. Per chi non è appasionato di motori e di gare soprattutto, la vera difficoltà è capire quanto tutto questo per loro sia non solo importante, ma vitale.

L'amatissima Cecilia "Cecy" Masoni (16 anni, moto e team RMU), il ribelle Alessandro Del Bianco (16 anni, ha iniziato con una moto sperimentale), la promessa Stefano "Valtu" Valtulini (17 anni, guida Honda, team FIVERACING AX52) e il timido e sfortunato Andrea Caravella (17 anni, team FIVERACING AX52, guida Honda) sono stati i principali protagonisti di questa storia, ma i veri eroi sono i loro genitori.

Sono loro a combattere con le armi più potenti, la battaglia dentro i Motorhome, i camper che ospitano gli aspiranti campioni del Motomondiale. 

Se vi siete persi queste sei settimane di messa in onda, c'è la possibilità di rivedere tutto su Mtv On Demand a questo indirizzo.

30 puntate e 6 speciali monografici per rivivere la magia della loro vita su due ruote, da guerrieri in pista. In attesa di una seconda stagione, per vivere ancora le loro storie di studenti non modello, amanti con qualche preoccupazione di troppo e figli ambiziosi con un sogno, vincere.

Motorhome di Mtv: il docu sulle due ruote che tutti dovrebbero vedere

L'opinione dei lettori