• pubblicato il 07-08-2014

La magia di OutRun rivive in Drift Stage, un sogno indie

di Stefano Valente

L'epoca d'oro di Sega è pronta a rivivere

Quanto può influenzare l'aspetto estetico di un gioco sulle sue aspettative? 

A giudicare da Drift Stage moltissimo: in una recente intervista rilasciata ad un sito satellite di Kotaku i due responsabili del gioco (il programmatore Chase Pettit e il designer Charles Blanchard) hanno presentato questo particolarissimo racing game.  

Obiettivo: nostalgia

La loro ispirazione è chiaramente (e per loro stessa ammissione) Yu Suzuki e i titoli dell'epoca d'oro di Sega. Ricordate tutti quei racing game molto arcade come Super Hang-On, Daytona USA e, ovviamente, OutRun? Bene questi due ragazzi vogliono far rivivere le sensazioni che quei giochi davano.

Per i due infatti al giorno d'oggi il concetto di racing game arcade si è perso tra ibridi come Forza Horizon e titoli per bambini (ma in realtà profondi) come Mario Kart 8

L'obiettivo degli sviluppatori di Drift Stage è quindi quello di creare un gioco che sia immediatamente divertente, sin dal primo secondo in cui lo si inizia. 

Idee chiare e una release molto lontana

Ma se l'obiettivo è quello di ricreare un certo feeling come lo si può fare senza la giusta colonna sonora? Ed ecco quindi che oltre ai due sviliuppatori è stato coinvolto un altro artista, Myrone, del quale potete sentire il lavoro svolto per Drift Stage nel video in calce. 

Per il momento non c'è ancora una data di uscita, ma gli sviluppatori hanno le idee chiare sulle piattaforme su cui il gioco comparirà: inizialmente PC e Mac, ma in futuro Drift Stage potrebbe arrivare su tutte le console che sono disposte ad accoglierlo. 

Noi, ad esempio, lo vedremmo benissimo su PS Vita

La magia di OutRun rivive in Drift Stage, un sogno indie

L'opinione dei lettori