Nintendo amiibo
  • pubblicato il 24-11-2014

La rivoluzione degli amiibo: ecco come cambieranno il vostro modo di giocare

Tante statuette da collezionare, tante funzioni in più per i videogame su Nintendo Wii U e 3DS

(Informazione pubblicitaria)

È in arrivo una rivoluzione nel mondo dei videogiochi: tra pochi giorni (per la precisione dal 28 novembre) Nintendo lancerà sul mercato la prima serie degli amiibo, le statuette raffiguranti i più celebri personaggi della casa di Kyoto che potranno essere collezionate e sfruttate in tantissimi giochi di prossima uscita su Wii U e su Nintendo 3DS.

Ogni statuetta, tanti giochi

Gli amiibo di Nintendo si differenziano da altre statuette simili per il semplice fatto che possono essere sfruttate in diversi modi essendo compatibili con più giochi. I primi titoli a sfruttare le funzionalità degli amiibo saranno Mario Kart 8 (uscito lo scorso maggio) e Super Smash Bros. per Wii U (in uscita in contemporanea con gli amiibo, sempre il 28 novembre).

Ma come funzionano gli amiibo? Per la connessione sfruttano la tecnologia NFC e quindi basterà appoggiare la statuetta al GamePad della Wii U per interagire con il gioco desiderato, mentre per Nintendo 3DS sarà disponibile una periferica a inizio 2015 che permetterà di collegare gli amiibo alla console portatile Nintendo.

Una volta che l’amiibo ha interagito con il gioco memorizzerà all’interno della statuetta stessa le informazioni aggiornate con i progressi del giocatore.

Amiibo: non solo statuette

Quel che però ci ha stupito di più è la versatilità degli amiibo: oltre al valore affettivo che hanno (quale appassionato di The Legend of Zelda non ha mai desiderato di possedere un piccolo Link?) gli amiibo sbloccano contenuti aggiuntivi, sempre diversi in base al titolo posseduto.

Facciamo un esempio: con Mario Kart 8 l’amiibo sblocca delle nuove tute da pilota per i Mii, ispirate al personaggio corrispondente alla statuetta. Con Hyrule Warriors invece vengono sbloccate armi e altri contenuti aggiuntivi.

Il gioco che però al momento sfrutta di più gli amiibo è ovviamente Super Smash Bros. per Wii U: il vostro amiibo diverrà infatti un vero e proprio personaggio, capace di apprendere uno stile di lotta simile al suo “proprietario” e soprattutto in grado di avanzare di livello.

Dopo ogni scontro infatti l’amiibo acquisisce punti esperienza e pian piano può raggiungere il livello massimo (50).

Inoltre gli oggetti sbloccati nel gioco possono essere associati all’amiibo per alterarne le statistiche, approfondendo così ulteriormente l’esperienza di gioco.

Per salvare i dati è sufficiente appoggiare l’amiibo sul GamePad al termine dello scontro e in un baleno la console trasferisce i dati: il procedimento è rapidissimo e semplice, diremmo quasi un gioco da ragazzi.

Sempre più amiibo per Nintendo

Nell’immediato futuro gli amiibo saranno sempre più presenti nel mondo Nintendo: è stato infatti confermato che la maggior parte dei prossimi giochi (Yoshi’s Wooly World, Captain Toad Treasure Tracker, Mario Party 10 solo per citarne alcuni) supporteranno in qualche modo le statuette Nintendo.

Come se non bastasse nella prima metà del 2015 Nintendo lancerà sul mercato europeo due nuove versioni del Nintendo 3DS (New Nintendo 3DS e New Nintendo 3DS XL) che saranno compatibili con gli amiibo senza aver bisogno di alcun adattatore.

Il piatto principale restano comunque loro, gli amiibo che dopo la prima serie (comprendente Mario, Yoshi, Peach, Link, Donkey Kong, Pikachu, Samus Aran, Fox, Wii Fit Trainer, l’Abitante, Kirby e Marth) avranno nuovi compagni di gioco ogni mese, con un programma di uscite già stabilito fino a febbraio.

Tra i prossimi personaggi segnaliamo gli imperdibili Luigi e Zelda a dicembre, Lucario e Bowser a gennaio e infine il mitico Sonic a febbraio.

L’ultimo aspetto che è importante prendere in considerazione è il fatto che, a differenza di altri titoli in cui senza statuette non si accede al gioco stesso, gli amiibo sono stati creati per ampliare le possibilità di divertimento. Ogni statuetta sblocca contenuti aggiuntivi in diversi giochi, quindi lo stesso personaggio si rivelerà utile più e più volte arricchendo così l’esperienza di tutti i prossimi successi della Nintendo.

La rivoluzione degli amiibo: ecco come cambieranno il vostro modo di giocare

L'opinione dei lettori