• pubblicato il 16-03-2016

La vita della ragazza dipende da come guidate: riuscirete a salvarla? La recensione di OutDrive

di Stefano Valente

Una ragazza da salvare, neon e una macchina veloce: il mix di OutDrive

Ci siamo imbattuti per caso su Steam (lo store digitale di videogiochi per PC) in uno strano racing game: basta vedere il video introduttivo per capire che OutDrive non è solito videogame indipendente. Una ragazza rimane infatti coinvolta in uno scontro a fuoco, ed è la nostra ragazza.

Per salvarla, apparentemente, c'è una sola soluzione: collegare il suo cuore al motore dell'auto e sfrecciare (letteralmente) verso un infinito tramonto, senza mai andare troppo piano, pena la morte della donzella in pericolo. Se state pensando ad uno strambo connubio tra Speed e un film di serie B degli anni '80, non siete poi così lontani dalla realtà. 

Estetica anni '80

Da quegli anni OutDrive (sviluppato interamente da un solo ragazzo) riprende anche pesantemente l'estetica, fatta di neon, colori caldi e contrasti fortissimi. In maniera molto simile a quanto fatto tre anni fa da Far Cry: Blood Dragon, OutDrive presenta uno stile grafico che rappresenta un intero immaginario, fatto di cliché e citazioni. A questo particolare stile grafico si aggiunge, per chiudere il cerchio, una colonna sonora all'altezza, colma all'inverosimile di synth retrò.

Un gameplay semplice

Non ci sono livelli da completare in OutDrive, ma per l'appunto un'unica strada generata proceduralmente a caso ad ogni partita: la sfida consiste nel far sopravvivere la ragazza il più a lungo possibile, premendo a tavoletta sull'acceleratore. Gli elementi del gameplay sono pochi e semplici: se si rallenta la ragazza muore e lo stesso risultato lo si ottiene esagerando col turbo (che surriscalda il motore e quindi il cuore della ragazza). Un tasto è dedicato alle derapate (possono forse mancare in un titolo del genere) e sulla strada ogni tanto troverete dei posti di blocco da saltare grazie alle rampe: questo è tutto quello che OutDrive ha da offrire e sarebbe più che sufficiente se tutto funzionasse a dovere. 

Controlli fuori controllo

Purtroppo però OutDrive soffre di alcuni problemi gravi: i controlli su tastiera sono infatti scomodissimi, mentre quelli su pad non funzionano proprio, compromettendo così l'esperienza. 

Un'esperienza nostalgica

C'è qualcosa di incredibilmente romantico nella corsa infinita e senza speranza dell'auto di OutDrive, una corsa che si staglia su un tramonto di una giornata sbagliata e di una vita spezzata. Una volta risolti i problemi legati ai controlli, OutDrive sarà un'esperienza a livello estetico davvero piacevole, da prendere per quel che è e da assaporare con nostalgia, godendosi i paesaggi sintetici e la colonna sonora strepitosa. 

Il video iniziale: 

Il trailer di lancio: 

La vita della ragazza dipende da come guidate: riuscirete a salvarla? La recensione di OutDrive

L'opinione dei lettori