• pubblicato il 28-10-2014

Fuoristrada: La recensione di Sunset Overdrive

di Stefano Valente

Una delle esclusive Microsoft più importanti è finalmente disponibile: delusione o titolo imperdibile?

Bentornati su Fuoristrada! Questo mese usciamo fuori dall'ambito dei racing game per la recensione di Sunset Overdrive, l'esclusiva di Microsoft per Xbox One sviluppata da Insomniac Games.

Quando parliamo di Sunset Overdrive non si può evitare di menzionare l’hype generale che ha annunciato e seguito lo sviluppo di quest’ultimo parto mentale degli Insomniac Games. Microsoft ha spinto a lungo l’attenzione su questo titolo, attenzione peraltro meritata considerando il risultato finale su console Xbox One. Talmente tanto l’hype è stato alto che Insomniac ha deciso addirittura di inserire un video nelle copie-recensione del titolo nel quale chiedeva apertamente di non parlare di hype. L’essenza ironica di questo filmato descrive pienamente l’anima scanzonata di Sunset Overdrive, uno sparatutto in terza persona con una componente open world che fa della follia e del paradosso i suoi cavalli da battaglia.

Storia fuori di testa

Tuttavia, limitarsi a descrivere Sunset Overdrive come il classico open world è riduttivo, poiché il gioco riesce a dare di più e possiede degli aspetti che lo rendono molto più profondo rispetto a quanto possa sembrare a primo impatto.
Prima di iniziare a menar le mani su mutanti orrendi ed arrabbiati, l’incipit narrativo ci dipinge alle prese con un’apocalisse punk in un universo distopico: Sunset Overdrive è ambientato a Sunset City nel 2027, in un mondo dominato dalla potente corporazione FizzCo.

Quest’ultima ha appena deciso di lanciare un nuovo drink sul mercato, l’Overcharge Delirium XT (OD), bevanda che oltre a dare la carica ha lo sconveniente risultato di tramutare gli esseri umani in bestie mutanti affamate di carne. Il protagonista, una sorta di inserviente dell’azienda, è incaricato di ripulire il danno creato dal party di lancio della OD, ma si ritroverà ben presto a tu-per-tu con gli umani mutati ormai decisi a scorrazzare per tutta la città. Per nostra fortuna, il protagonista avrà a disposizione un arsenale di tutto rispetto composto dalle armi più impensabili.

Editor di follia

Per farci calare meglio nei panni di questa pazza avventura, il giocatore potrà decidere in toto l’aspetto dell’eroe principale. Dal sesso biologico alla corporatura, passando anche per alcuni dettagli. Insomniac ha deciso così di darci la possibilità di creare un personaggio unico, capace di rispecchiare i nostri gusti. Terminata la creazione del personaggio, ci ritroveremo a vivere una città pulsante, paradossalmente “viva” e tutta da godere con un sistema di trasporto che ha dell’incredibile: in Sunset Overdrive ci sposteremo librandoci a mezz’aria, saltando su cavi dell’alta tensione, tetti, pareti, il tutto con la nostra agilità quasi sovrumana.

Sotto di noi, tra coloratissime ed intricatissime strade, ci saranno gli ODD (Overcharge Delirium Drinker), ovvero i mutanti che ormai imperversano a Sunset City dopo l’incidente scatenato dall’abuso bevanda FizzCo. Contro di noi ci sarà anche la FizzCo stessa che proverà in tutti i modi ad insabbiare ciò che sta accadendo nei confini della metropoli. In qualità di unici sopravvissuti, almeno all’inizio, il nostro compito sarà quello di trovare una via d’uscita dalla città, facendosi largo tra i mostri. Ma quale miglior modo di scappare via dall’apocalisse se non accompagnando le nostre gesta plateali con il divertimento? Il nostro protagonista, perciò, trasformerà Sunset City in un suo personale parco divertimenti. 

 

Benvenuti a Sunset City

Nell’open world di Sunset Ovedrive troveremo tantissime attività da compiere. Oltre alla missione principale, potremo giocare con le missioni secondarie o con le sfide acrobatiche. Proprio per ciò che riguarda le missioni secondarie, c’è da sottolineare come queste non siano le solite quest noiose e ripetitive: pur mantenendo i canovacci tipici delle missioni alternative, in Sunset Overdrive ogni attività collaterale sarà incentrata su un unico perno, ovvero quello del divertimento puro e fine a se stesso.

Ed ecco che dovremo affrontare delle bestie giganti sempre stando attenti a non toccare il suolo – che significherebbe esser assaliti da decine di nemici estremamente agili e potenti – oppure ci toccherà andare da un punto A ad un punto B nel minor tempo possibile e compiendo le peripezie più articolate ed incredibili. La trama principale, che fa da sottotesto all’intero setting, serve solo come giustificazione all’esplorazione ed alle enormi possibilità offerte dal gioco. La propria esperienza diviene così “personalizzata” e ad essa non viene necessariamente imposta una linea d’azione canonica e statica. Il giocatore, in pratica, potrà fare ciò che vuole e quando vuole col solo obiettivo di divertirsi.

Azione! 

Una delle maggiori attrazioni nel parco giochi apocalittico di Sunset Ovedrive sarà quella di falciare i nemici col nostro grosso arsenale. Le armi hanno sempre un qualcosa di delirante, come ad esempio lo spara-orsetti riempiti di esplosivo che vi strapperà non poche risate durante il suo utilizzo. Ogni arma potrà salire di livello a seconda del suo utilizzo e, inoltre, potrà guadagnare alcuni potenziamenti chiamati “Amps”.

Gli amps, tuttavia, si attiveranno esclusivamente attraverso l’accumulo di punti stile: eseguendo le azioni più spettacolari guadagneremo dello ‘stile’ che ci darà accesso a mosse davvero brutali. Se inizialmente accumulare punti stile sarà molto difficile, dato che i comandi possono risultare talvolta macchinosi, una volta presa confidenza con il pad il tutto vi risulterà immediato, chiaro e divertente e non avrete molta difficoltà a raggiungere livelli di stile alto. Più uccisioni farete, più punti stile otterrete e questa dinamica vi porterà a scontrarvi con i nemici in numerosi faccia a faccia, propendendo per l’approccio diretto piuttosto che per l’uso di strategie le quali prevedono attacchi a grande distanza. 

 

Overdrive! 

I potenziamenti, ad ogni modo, non terminano qui poiché anche il nostro avatar riceverà dei miglioramenti denominati “Overdrive”. Gli overdrive si guadagnano compiendo azioni quanto più possibili diverse l’una dall’altra durante gli incarichi che troveremo in giro per la città. Ogni overdrive apparterrà ad una categoria specifica, perciò ci saranno quelli legati ai punti stile o magari quelli legati alle armi, ma non potrete equipaggiarne più di sei. Tutte queste possibilità di customizzazione dell’eroe vi offriranno un’esperienza unica e non ripetibile.

Ad ampliare le potenzialità di Sunset Overdrive giunge anche la componente multiplayer che prevede una modalità co-op da due ad otto giocatori chiamata Chaos Squad, oltre che ad una sorta di tower defense, Difesa Notturna, in cui dovremo evitare che gli ODD si impadroniscano delle nostre riserve di Overcharge. Al termine delle partite multiplayer si riceveranno ricompense sulla base della propria bravura che non sarà data dall’esclusiva capacità di massacrare i nemici, ma anche dalla propensione ad adottare strategie sopraffini con l’uso di trappole e trabocchetti.

Fuoristrada: La recensione di Sunset Overdrive

L'opinione dei lettori