• pubblicato il 12-07-2011

Compatte a confronto

Ecco le rivali più interessanti.

Alfa Romeo Giulietta

1.6 MJet 105 CV Distinctive

24.151 euro

Ha un nome che evoca un modello che ha fatto parte della storia del marchio milanese. Ma la nuova Giulietta abbina alla nostalgia soluzioni estetiche e tecnologiche al passo coi tempi. In strada è impossibile non notare le sue forme sinuose e l’originale design del frontale, con i due grandi fari a goccia e lo scudetto incastonato nella griglia centrale. Alla guida colpisce per l’elevata tenuta di strada e per la rapidità nei cambi di direzione. Inoltre, è dotata di interessanti sistemi di sicurezza, come il selettore DNA, che adegua il “carattere” dell’auto alle condizioni climatiche o al proprio stile di guida. L’abitacolo è abbastanza spazioso per quattro adulti ed è ben rifinito. Il motore 1.6 Mjet non è “piantato” e fa risparmiare, ma il 2.0 da 140 CV sarebbe più adatto.

Audi A3 Sportback

1.6 TDI 105 CV Attraction

27.701 euro

E’uno dei modelli più desiderati dai giovani, ma piace tanto anche ai più grandi, merito della linea pulita ed elegante, oltre che delle ottime finiture degli interni. Tanto da resistere all’attacco del tempo: questa è un’auto di prossima sostituzione. Rispetto all’A3 “normale” guadagna le due porte dietro e qualche centimetro in lunghezza, in questo modo ha un abitacolo (poco) più grande e più sfruttabile. Ampia la gamma di motori, tutti sovralimentati e con iniezione diretta del carburante: le potenze vanno da 90 cavalli fino a toccare i 340. Per non esagerare, ma anche per contenere il prezzo di acquisto (comunque impegnativo), si può optare per l’ecologico 1.6 TDI da 105 CV che, a richiesta, è disponibile anche con il nuovo cambio robotizzato a doppia frizione S-Tronic.

Bmw Serie 1

Attiva 5p 116 CV

29.781 euro

Nonostante sia un progetto di diversi anni fa, rimane un punto di riferimento per gli appassionati della guida sportiva. È infatti l’unica auto di questa categoria ad avere la trazione sulle ruote posteriori, una caratteristica che conferisce un comportamento stradale unico, complici le ottime sospensioni. Ha anche una linea aggressiva e accattivante, che però tradisce l’età. Pure gli interni hanno un design piacevole, mentre l’abitabilità è limitata: chi siede dietro ha poco spazio sia per le gambe sia per la testa. Inoltre, nelle versioni a tre porte, l’accesso risulta laborioso. Modesta anche la capacità del bagagliaio. Molto interessante la gamma di motori disponibili: tra questi spiccano gli ecologici turbodiesel, con potenze da 116 fino a 204 cavalli.

Citroen C4

1.6 HDi 112CV Seduction

20.901 euro

Abbandonate le  linee (troppo) originali della vecchia C4, la Casa francese propone una due volumi dal design più sobrio ed elegante. Il nuovo modello si caratterizza per il disegno del frontale, dominato dall’ampia presa d’aria e dal nuovo, grande, logo cromato. Particolari anche le forme dei fari anteriori e posteriori, mentre gli interni mantengono un’impostazione classica: i materiali usati sono di buona qualità e lo spazio nell’abitacolo è sufficiente per quattro adulti. Nella media la capacità del baule. Nella tradizione della Casa, la C4 non teme rivali quanto a comfort di marcia: parte del merito va al silenzioso (e poco assetato) motore 1.6 HDi da 112 CV, disponibile anche con cambio robotizzato e sistema stop&start (molto efficiente nel ripartire grazie ai supercondensatori).

Fiat Bravo

1.6 M-Jet 120 CV Dynamic

21.601 euro

Assieme alla  Volkswagen Golf e all’Alfa Romeo Giulietta compone il podio delle berline compatte più vendute in Italia. Le ragioni di questo successo sono una linea elegante, moderna e una buona gestione degli spazi interni, che garantiscono ampia abitabilità e capacità di carico. Moderne ed efficienti anche le motorizzazioni proposte, tutte brillanti ed ecologiche, tra le quali spiccano il 1.4 Multi-Air, un benzina turbo da 140 CV e il turbodiesel 1.6 MultiJet da 120 CV. L’assemblaggio degli interni è di buon livello: le plastiche usate per la plancia sono di qualità e ben accoppiate; la strumentazione risulta sempre chiara e facilmente leggibile. Ottimi anche la tenuta di strada e il comfort di marcia, merito delle sospensioni ben tarate e dell’efficace insonorizzazione dell’abitacolo.

Ford Focus

1.6 TDCi 116 CV Titanium

21.651 euro

E’ un modello nuovo, sia esteticamente sia sotto “pelle”, anche se non tradisce le proprie origini: ha dimensioni praticamente uguali alla versione precedente, così come l’abitabilità degli interni, che però sono rifiniti con più cura anche nelle scelte di design, ora più ricercato. Anche la linea è più moderna e sofisticata, specialmente nella forma dei fari: accigliati davanti, grandi ed avvolgenti al posteriore. Sotto il cofano troviamo quattro motorizzazioni da 1.600 cc, tre a benzina e un turbodiesel. Le potenze vanno da un minimo di 105 CV a un massimo di 150 per i primi, mentre il TDCi è disponibile unicamente nella variante da 116 CV, ottimo sia nelle prestazioni sia nei consumi. Interessanti anche le dotazioni e i prezzi, a patto di orientarsi sull’allestimento Titanium.

Honda Civic

2.2 i-CDTi 140 CV Elegance 5p

26.041 euro

La proposta giapponese è un’auto solida, di qualità con una linea molto originale e che regge bene al passare degli anni. Però, rispetto alle rivali, è penalizzata dal motore a gasolio. Non che sia di scarsa qualità, anzi è uno dei migliori, ma ha una cilindrata elevata, di 2,2 litri. Cosa che fa spendere di più per l’assicurazione, un aspetto non trascurabile di questi tempi. Tra i pregi della Civic c’è anche il comportamento stradale, caratterizzato da un assetto sportivo, ben regolato e in armonia con uno sterzo preciso e abbastanza diretto. Peccato non si possa montare un cambio automatico, ormai molto richiesto, soprattutto con il motore a gasolio. Nella dinamica di marcia ha reazioni molto sportive simili a quelle offerte da Alfa, Audi e BMW. Un aspetto da non sottovalutare.

Hyundai i30

1.6 CRDi 128 CV Comfort

19.241 euro

La partnership con la Kia, che fa parte dello stesso gruppo coreano, ha permesso alla Hyundai di sviluppare questa berlina a cinque porte partendo dalla base della cee’d. Come il modello da cui deriva, la i30 ha dimensioni piuttosto compatte, ma offre un abitacolo spazioso ed accogliente, realizzato con materiali di buona qualità. Piacevole anche il design della plancia, mentre non convincono del tutto le linee esterne, ancora poco accattivanti seppur migliorate. La qualità della meccanica non dovrebbe preoccupare: è garantita 5 anni, senza limiti di chilometraggio. La scelta della motorizzazione però è quasi obbligata: esclusi i fiacchi 1.4 benzina (anche bifuel benzina e GPL) e il 1.6 turbodiesel da 90 CV, non rimane che orientarsi sul nuovo, scattante e pulito 1.6 CRDi da 128 CV.

Kia Cee’d

1.6 CRDI VGT 116 CV EX

18.851 euro

Ha una linea semplice, ma poco personale. Insomma non è una bellezza da far girare gli sguardi, ma finisce comunque per stupire e piacere, merito di un progetto ben riuscito e di una qualità inaspettata, garantita fino a 7 anni (motore e cambio). Gli interni sono spaziosi, un po’ meno il bagagliaio, inoltre la plancia è ben rifinita e ogni comando si trova al posto giusto. Interessanti anche i prezzi di listino, specialmente in rapporto alla dotazione di serie, completa di tutto il necessario. Un po’ limitata la gamma delle motorizzazioni, che non prevede versioni “spinte”: c’è un 1.4 a benzina da 109 CV (anche a GPL, con 90 CV) e un turbodiesel 1.6 in due allestimenti di potenza, 90 o 116 CV. Quest’ultimo garantisce prestazioni briose, ma senza esagerare, e consumi contenuti.

Lancia Delta

1.6 MJet 120 CV Oro

22.901 euro

Le dimensioni esterne sono superiori alla media della categoria, per questo motivo offre un’abitabilità più che buona, anche se a farne le spese è la capacità di carico con baule standard, ma abbattendo il divano la situazione cambia. La forma della carrozzeria dissimula in parte l’ingombro e le dona un aspetto quasi da sportiva. Il design dinamico e giovanile viene riproposto anche all’interno, per la plancia. Sotto il cofano troviamo tre motori a benzina, con potenze fino a 260 cavalli, e due turbodiesel in vari allestimenti di potenza: 1.6 da 116 CV e 2.2, da 150 o 185 CV. Trattandosi di un modello destinato principalmente alla famiglia, è meglio puntare ai motori diesel: hanno potenze adeguate a ogni esigenza, una miglior risposta ai bassi regimi e anche ottimi consumi.

Lexus Ct 200h

136 CV Executive

29.651 euro

Toyota è probabilmente il costruttore con la maggior esperienza nei veicoli a trazione ibrida, così dopo aver mutuato la tecnologia della Prius sulle Lexus, marchio di prestigio della Casa giapponese, ha deciso di scommettere su un nuovo modello “full hybrid”: la Lexus CT. Si tratta di una berlina compatta dal design originale e moderno. Gli interni sono eleganti, ma a stupire è la tecnologia offerta: un motore elettrico è abbinato a uno tradizionale a benzina, per una potenza totale di 136 CV, mentre la trasmissione è affidata a un cambio a variazione continua, ben silenziato. Nelle partenze e nelle accelerazioni l’accoppiamento dei due propulsori garantisce buone prestazioni, discreto comfort acustico e un buon risparmio di carburante. Da non rimpiangere il motore diesel.

Mazda Mazda3

1.6 DE 116 CV Advanced

22.901 euro

Le dimensioni esterne sono superiori alla media della categoria, per questo motivo offre un’abitabilità più che buona, anche se a farne le spese è la capacità di carico con baule standard, ma abbattendo il divano la situazione cambia. La forma della carrozzeria dissimula in parte l’ingombro e le dona un aspetto quasi da sportiva. Il design dinamico e giovanile viene riproposto anche all’interno, per la plancia. Sotto il cofano troviamo tre motori a benzina, con potenze fino a 260 cavalli, e due turbodiesel in vari allestimenti di potenza: 1.6 da 116 CV e 2.2, da 150 o 185 CV. Trattandosi di un modello destinato principalmente alla famiglia, è meglio puntare ai motori diesel: hanno potenze adeguate a ogni esigenza, una miglior risposta ai bassi regimi e anche ottimi consumi.

Opel Astra

1.7 CDTi 125 CV Cosmo

22.851 euro

Ha una bella  filante e una pronunciata nervatura sulla fiancata che accentuano l’aspetto giovanile. Le misure maggiorate (è infatti più lunga di molte concorrenti) hanno permesso di offrire un’ottima abitabilità. Il disegno della plancia è elegante e moderno; inoltre le plastiche sono di buona qualità e i comandi tutti a portata di mano. Interessante la capacità del bagagliaio anche se, viste le dimensioni esterne, ci si potrebbe aspettare di più. Tra i motori spiccano i vivaci benzina turbo, con potenze fino a 179 CV, e i turbodiesel CDTi, alcuni dei quali di origine Fiat, con potenze fino a 160 CV. Per contenere i costi è meglio scegliere per la versione più potente del 1.7 a gasolio, con 125 CV. E vi suggeriamo di optare per le sospensioni attive con doppia regolazione: morbida o sportiva.

Peugeot 308

1.6 HDi 112 CV Tecno

21.141 euro

Un frontale aggressivo e una linea slanciata non bastano a renderla un’auto sportiva. E, infatti, la media del Leoncino punta tutto sul comfort, merito di un abitacolo spazioso e ben insonorizzato, oltre che dell’ottima taratura delle sospensioni in grado di digerire ogni imperfezione dell’asfalto. Degna di nota anche la qualità delle finiture interne, mentre non convince del tutto la capacità del bagagliaio, appena inferiore alla media del segmento. I motori sono gli stessi disponibili sulla Citroën C4: tra questi troviamo il brillante ed ecologico turbodiesel HDi 1.6 da 112 CV, disponibile anche in abbinamento a un pratico cambio robotizzato a sei rapporti. A breve l’auto sarà ritoccata nella linea e negli interni. In arrivo anche un efficiente sistema start&stop per il motore.

Renault Megane

1.5 dCi 110 CV Attractive

20.651 euro

Come tutte le francesi di questa categoria si tratta di una cinque porte dedicata alla famiglia. La linea è sinuosa e moderna, anche se appare un po’ anonima, specialmente nel frontale. L’abitacolo è spazioso e confortevole, inoltre il bagagliaio ha una buona capienza. Gradevole il disegno della plancia, così come la qualità delle plastiche, che però in alcuni dettagli risulta un po’ rigida. La gamma delle motorizzazioni comprende un 1.4 sovralimentato a benzina e due turbodiesel, 1.5 e 1.9, con diversi livelli di potenza. Avendo un occhio di riguardo ai consumi, ma senza rinunciare alle prestazioni, si può optare per il 1.5 dCi nella variante da 110 CV, disponibile anche con il nuovo cambio robotizzato a doppia frizione EDC, optional a 1.250 euro.

Seat Leon

1.6 TDI CR 105 CV Style

20.101 euro

Le sue linee nascono dalla matita di Walter de’ Silva, il designer italiano già papà dell’Alfa 147, modello al quale è ispirata la berlina spagnola. Nonostante il progetto non sia recentissimo, la Leon piace ancora, soprattutto ai giovani che ne apprezzano le forme slanciate e sinuose, oltre all’ottima qualità della meccanica, di origine Volkswagen. Tra i motori troviamo i nuovi 1.2 benzina turbo e 1.6 turbodiesel, entrambi da 105 CV, che di recente hanno debuttato anche su altri modelli “più prestigiosi” del gruppo tedesco. In particolare, il secondo si distingue per il carattere brioso e per i consumi ridotti. Visti i contenuti di comfort e sicurezza, ha prezzi piuttosto interessanti, peccato che il sistema start&stop sia disponibile soltanto a pagamento.

Subaru Impreza

2.0 D 150 CV Comfort

24.801 euro

E’ probabilmente il modello più celebre della Casa giapponese, merito dei numerosi successi ottenuti nelle gare rally di tutto il mondo. L’attuale versione ha rinunciato alla “coda” (a esclusione della potentissima WRX STI), optando per una più classica versione a due volumi e cinque porte, decisamente più anonima e meno accattivante della progenitrice. Come da tradizione del marchio, tutte le Impreza sono dotate di trazione integrale permanente e di motori quattro cilindri boxer, disponibili con alimentazione a benzina, a gasolio e anche bifuel GPL. Per il suo turbodiesel, l’unico boxer del mercato, la Subaru non ha ceduto alla moda del downsizing, proponendo un 2.0 da 150 CV: ha prestazioni superiori ai 1.6 della concorrenza, ma anche un consumo più elevato.

Toyota Auris

1.8 HSD 136 CV Active

22.051 euro

Il recente restyling ha portato un frontale più moderno e aggressivo, la linea però mantiene quello stile sobrio, e un po’ anonimo, che distingue i modelli della Casa giapponese. La Auris è disponibile con tre o cinque porte ma, vista l’indole più famigliare che sportiva, meglio puntare alla più pratica delle due soluzioni. Gli interni sono spaziosi anche per cinque passeggeri, le finiture dell’abitacolo però, in alcuni dettagli, sono da perfezionare. Moderna e tecnologica la gamma delle motorizzazioni, che comprende due benzina con valvole a fasatura variabile e anche due turbodiesel. Per i più attenti all’ambiente è poi disponibile una versione ibrida, che consigliamo, con un motore elettrico che supporta quello tradizionale, a benzina, nelle partenze e nelle accelerazioni.

Volkswagen Golf

1.6 TDI 105 CV Confortline 5p

21.951 euro

E’ un mito che si rinnova da quasi 40 anni e che continua a riscuotere molto consenso. Il segreto del suo successo è una linea semplice, ma sempre attuale, oltre che un’elevata qualità costruttiva. L’abitacolo è abbastanza spazioso per quattro passeggeri, ma nella versione a tre porte l’accesso ai posti dietro risulta più difficoltoso. Regolare nella forma il vano di carico, che però per capacità è inferiore a numerose concorrenti. Alla guida si apprezza la tenuta di strada, mentre le prestazioni sono garantite dai motori benzina e diesel, quasi tutti turbo, con potenze che arrivano fino a 270 CV. Per le buone doti di ripresa e gli ottimi consumi, meglio puntare al TDI 1.6 da 105 CV, disponibile anche con il veloce cambio robotizzato DSG, optional solo sulla versione Highline.

Compatte a confronto

L'opinione dei lettori