Guida all'acquisto

Mini Cabrio: guida all’acquisto

Tutto quello che c'è da sapere sulla scoperta britannica: prezzi, motori, pregi e difetti

La Mini Cabrio – variante scoperta della piccola britannica – è una sportiva unica nel suo genere: in listino è infatti impossibile trovare cabriolet a quattro posti lunghe meno di quattro metri che offrono la possibilità di viaggiare davvero a cielo aperto.

In questa guida all’acquisto vi mostreremo nel dettaglio tutte le versioni presenti in listino: prezzi, motori, accessori, prestazioni, pregi, difetti e chi più ne ha più ne metta.

Mini Cabrio: guida all’acquisto

La Mini Cabrio è una scoperta senza rivali: in poco meno di 3,90 metri di lunghezza la baby cabriolet inglese offre quattro posti a sedere e una capote in stoffa ad azionamento completamente elettrico che si apre e si chiude in soli 18 secondi fino ad una velocità di 30 km/h. Le proposte della concorrenza – dotate di montanti fissi – non si scoprono completamente e sono quindi da considerare come semplici auto dotate di un ampio tetto apribile.

Divertente da guidare, sexy e caratterizzata da finiture curatissime, presenta un paio di difetti da non sottovalutare: i prezzi molto alti e l’abitabilità non eccezionale.

Gli allestimenti della Mini Cabrio

Gli allestimenti della Mini Cabrio sono tre: “base”, Boost e Hype. La quantità di accessori della variante “entry-level” dipende a sua volta dal motore montato. La One, ad esempio, offre i cerchi in lega da 15”, i retrovisori esterni in plastica nera, le cornici cromate dei fari anteriori e posteriori, la griglia anteriore con cornice cromata e listelli orizzontali in nero opaco, la maniglia del portellone posteriore in nero opaco, i Side Scuttles in nero opaco con indicatori di direzione integrati, il terminale di scarico singolo, l’Always Open timer, gli interni in stoffa Firework Carbon Black/Carbon Black, i pannelli interni in Carbon Black, la Colour Line Carbon Black, le superfici interne in plastica nera, il climatizzatore manuale e il volante a due razze regolabile in altezza e profondità.

Senza dimenticare la radio Mini iPod USB Aux Bluetooth, la funzione “Follow-me home”, l’avviamento vettura senza chiave, lo Start/Stop automatico, il sedile del guidatore regolabile in altezza con funzione Memory, il divano posteriore abbattibile sdoppiato 60:40, gli attacchi Isofix, 2 portabicchieri nella consolle centrale e 1 posteriore, airbag frontali, laterali e a tendina, il kit di pronto soccorso, i controlli di stabilità e trazione, il Brake Energy Regeneration, quattro freni a disco, l’indicatore di pressione degli pneumatici e i sensori di parcheggio posteriori.

La Mini Cabrio Cooper aggiunge i retrovisori esterni in tinta carrozzeria, il terminale di scarico singolo cromato, le superfici interne Hazy Grey, il computer di bordo e la maniglia del portellone posteriore in nero lucido mentre la Cooper S risponde con la griglia anteriore con cornice cromata, nido d’ape e presa d’aria sul cofano, i Side Scuttles cromati con indicatori di direzione integrati, il volante sportivo in pelle a 3 razze regolabile in altezza e profondità, i sedili sportivi con rete portaoggetti nel retro dei sedili anteriori, gli interni in stoffa Double Stripe Carbon Black/Carbon Black, le superfici interne Black Chequered, il terminale di scarico doppio centrale cromato, i comandi multifunzione al volante con Dynamic Cruise Control, il Mini LED Ring intorno al display centrale, i freni a disco più grandi, i cerchi in lega da 16” e i fendinebbia.

La sportivissima John Cooper Works può invece vantare la griglia anteriore con cornice cromata, nido d’ape, presa d’aria sul cofano e presa d’aria aggiuntiva, i Side Scuttles JCW, lo spoiler sportivo posteriore, i cerchi in lega da 17”, i sedili sportivi John Cooper Works con poggiatesta integrati, gli interni in stoffa Dinamica Carbon Black/Carbon Black, il rivestimento del padiglione in antracite, i Mini Driving Modes, il volante sportivo in pelle a 3 razze JCW, le sospensioni sportive, il Mini LED Ring dedicato JCW intorno al display centrale, il tachimetro e il contagiri dedicato JCW, il sedile del passeggero regolabile in altezza con funzione Memory, i freni Brembo e i fari a LED.

Il pacchetto Boost prevede un sovrapprezzo di 1.950 euro per One e Cooper e di 1.900 euro per Cooper S e offre la radio Mini Visual Boost, il pacchetto luci interne a LED, il Mini Excitement Package, i Mini Driving Modes, i fendinebbia, i comandi multifunzione al volante, il volante sportivo in pelle e i cerchi in lega da 16” (da 17” per la Cooper S).

La Mini Cabrio Hype costa 1.850 euro (per One e Cooper, per Cooper S il sovrapprezzo è di 1.400 euro) più della Boost a parità di motore e aggiunge alla dotazione di serie i fari a LED, i fendinebbia a LED, gli interni stoffa pelle Diamond Carbon Black e il climatizzatore automatico bizona. Il pacchetto Hype per la John Cooper Works costa invece 1.800 euro in più e prevede il bracciolo anteriore, i retrovisori esterni richiudibili elettricamente, il climatizzatore automatico bizona, il pacchetto luci interne a LED, il Mini Excitement, la radio Mini Visual Boost e le sospensioni sportive regolabili.

Mini Cabrio: tutti i modelli in listino

Di seguito troverete tutte le caratteristiche delle versioni della Mini Cabrio. La gamma motori della piccola cabriolet inglese è composta da sei unità sovralimentate: quattro a benzina (1.2 a tre cilindri da 102 CV, 1.5 a tre cilindri da 136 CV e 2.0 da 192 e 231 CV) e due diesel (1.5 a tre cilindri da 116 CV e 2.0 da 170 CV).

Mini Cabrio One (da 22.900 euro)

La Mini Cabrio One (prezzi fino a 26.700 euro) non è solo la versione più economica della baby scoperta di Sua Maestà ma anche, a nostro avviso, la variante da acquistare. D’altronde il cliente tipo di una cabriolet ama guidare con il vento tra i capelli e non ha molto a cuore le prestazioni. Il motore è un 1.2 a tre cilindri da 102 CV e 180 Nm di coppia che permette alla piccola sportiva “british” di raggiungere una velocità massima di 190 km/h e di accelerare da 0 a 100 chilometri orari in 10,6 secondi.

Mini Cabrio Cooper (da 25.700 euro)

La Mini Cabrio Cooper (prezzi fino a 29.500 euro) è la soluzione migliore per chi non può rinunciare al divertimento. L’ottimo motore 1.5 a tre cilindri da 136 CV e 220 Nm di coppia garantisce prestazioni di tutto rispetto: 208 km/h di velocità massima e 8,8 secondi sullo “0-100”.

Mini Cabrio Cooper S (da 30.100 euro)

La Mini Cabrio Cooper S (prezzi fino a 33.400 euro) regala brividi di puro piacere a chi ama andare spesso in pista. Motore 2.0 da 192 CV e 280 Nm di coppia, 230 km/h di velocità massima e “0-100” da 7,2 secondi.

Mini Cabrio John Cooper Works (da 36.100 euro)

La Mini Cabrio John Cooper Works (prezzi fino a 37.900 euro) è riservata a chi non si accontenta della già mostruosa Cooper S. Sotto il cofano ospita un motore 2.0 da 231 CV e 320 Nm che le permette di raggiungere una velocità massima di 242 km/h e di scattare da 0 a 100 chilometri orari in soli 6,6 secondi.

Mini Cabrio Cooper D (da 26.950 euro)

La Mini Cabrio Cooper D (prezzi fino a 30.750) è la versione della cabriolet britannica adatta a chi non può rinunciare ad un motore diesel. Il propulsore 1.5 tre cilindri a gasolio genera una potenza di 116 CV, una coppia di 270 Nm e consente alla baby scoperta inglese di raggiungere una velocità massima di 195 km/h, di accelerare da 0 a 100 chilometri orari in 9,9 secondi e di dichiarare consumi particolarmente contenuti (26,3 km/l).

Mini Cabrio Cooper SD (da 32.950 euro)

La Mini Cabrio Cooper SD (prezzi fino a 36.250 euro) è disponibile esclusivamente con il cambio automatico e garantisce bassi consumi (23,3 km/l) uniti a prestazioni vivaci. Grazie al motore 2.0 da 170 CV e 360 Nm di coppia la piccola scoperta a gasolio “british” raggiunge infatti una velocità massima di 218 km/h e accelera da 0 a 100 chilometri orari in 7,7 secondi.

Mini Cabrio: gli optional

La dotazione di serie della Mini Cabrio “base” andrebbe a nostro avviso arricchita con tre optional fondamentali: fendinebbia (200 euro), sensore luci-pioggia (150 euro) e vernice metallizzata (550 euro). Questi ultimi due accessori starebbero bene anche sulle varianti Boost e Hype insieme al navigatore (900 euro).

Foto

Mini, la storia in foto

Le mille evoluzioni della piccola inglese dal 1959 ad oggi.

Il mondo Mini

Mini Countryman WRC

Mini Countryman C. P. Company: fashion SUV