Primo contatto

Peugeot 308: il restyling della seconda generazione

Leggeri ritocchi estetici, interessanti novità meccaniche e tanta tecnologia per l'infotainment e la sicurezza

di Junio Gulinelli -

Le Alpi tedesche sono state lo scenario della presentazione stampa della nuova Peugeot 308. La compatta francese è uno dei prodotti stella del Leone, il primo ad aver inaugurato la piattaforma EMP2 e il primo a sfoggiare con orgoglio il linguaggio stilistico che oggi è segno di riconoscimento del brand transalpino. È una delle auto più vendute della famiglia ed è la sua principale arma nel segmento C, che equivale ad un 38% del mercato mondiale – parliamo cioè di una fetta da circa 25 milioni di auto vendute all’anno. Anche se le Sport Utility compatte, come la stessa Peugeot 3008, stanno prendendo sempre più piede, le hatchback continuano ad attrarre molti clienti. Lanciata sul mercato nel 2013, a quattro anni di distanza la Peugeot 308 riceve un restyling necessario ad estenderne la sua vita di prodotto fino al lancio della terza generazione. Ecco come è cambiata.

Leggero restyling estetico – pochi ritocchi soprattutto al frontale

Il nuovo design della Peugeot 308 è ora più affilato. I cambi principali si concentrano tutti sui nuovi gruppi ottici e sulla nuova calandra, ora più vicina a quella di prodotti più recenti come ad esempio la 5008. I taglio più aggressivo del paraurti le dà un aspetto anche più moderno, specialmente per le versioni GT Line e GT che abbiamo provato. Anche i fari posteriori sono stati ridisegnati. Per il resto tutto rimane invariato. A livello cromatico arriva una nuova tinta per la carrozzeria Pyrite Beige che rimpiazzerà in listino il grigio alluminio. Disponibili anche tre nuovi design per i cerchi da 16 a 18 pollici. Insomma la nuova Peugeot 308 continua ad essere la sobria, elegante e sportiva compatta di prima, con una rinfrescata al look che non guasta. Continuerà ad essere proposta con carrozzeria SW e cinque porte.

Infotainment aggiornato: ora compatibile con Android Auto e Apple Car Play

Il sistema multimediale della nuova 308 si rinnova al completo. L’ormai noto e apprezzato i-Cockpit che ritroviamo in diversi modelli ella casa francese, arriva a 9,7 pollici di grandezza. Gode di una cartografia rinnovata per il GPS associata al TomTom attraverso cui si possono ricevere informazioni sul traffico in tempo reale. Mediante la funzione Mirror Screen poi si può interfacciare lo smartphone con il touchscreen usando i due sistemi vocali Siri (Apple) e S Voice (Android).

Interni praticamente invariati

Dove troviamo meno cambi è proprio all’interno dell’abitacolo. Le novità si riducono infatti a un paio di nuove tappezzerie dedicate agli allestimenti Active e Allure. Bello, come prima, il volante dalle dimensioni piccole che lascia una buona visibilità sulla strumentazione (ma dipende da come lo si regola) e fa percepire un’abitacolo più spazioso, l’impugnatura consistente restituisce poi un ottimo feeling con l’auto. I sedili anteriori sono ampi e comodi e godono di una buona ergonomia della regolazione, bisogna però abituarsi a controllare il climatizzatore dal sistema di infotainment un po’ scomodo.

Le novità più importanti sono meccaniche

Nuovo cambio automatico a 8 rapporti – La più grande novità che arriva con il restyling della 308 è il nuovo cambio EAT8 ad otto rapporti. Fabbricato dalla specialista giapponese Aisin, questo cambio andrà pian piano a rimpiazzare l’attuale EAT6 rispetto al quale è 2 kg più leggero e, a parità di motorizzazioni, riduce i consumi del 7%. Tecnicamente la trasmissione viene controllata elettronicamente, by-wire e la leva del cambio non è fisicamente collegata alla trasmissione. Per Peugeot si tratta di una vera primizia nel segmento generalista. Effettivamente, abbinata alla motorizzazione 2.0 BluHDi da 180 CV si è dimostrata molto sensibile al tatto e dolce negli innesti, anche se nella modalità Sport fa un po’ rimpiangere un più rapido doppia frizione. Rispetto ai consumi medi: con questa accoppiata si riesce tranquillamente a rimanere sotto i 6l/100 km.

Nuovo 1.5 BluHDi 130 – Ma le novità non finiscono qui. La nuova Peugeot 308 è la prima del Gruppo PSA ad essere equipaggiata con il nuovo BlueHDi 130, con 130 CV di potenza e 1.5L di cilindrata. Presto arriverà anche su altri prodotti del Gruppo e rappresenterà la motorizzazione entry level della DS 7 Crossback. Disegnato con l’obiettivo di ridurre i consumi, questo propulsore vanta una coppia di 300 Nm a 1.750 giri e, per il momento, potrà essere associato unicamente al cambio manuale a sei marce. Dichiara consumi medi di 4,0-4,1 litri per 100 km. Una delle sue grandi innovazioni è l’introduzione del filtro anti particolato, del catalizzatore e del sistema SCR con iniezione AdBlue. Tutti questi sistemi sono stati posizionati all’uscita del collettore di scarico, nella parte frontale inferiore del motore. In questo modo l’unità non solo rientra nella normativa Euro 6c del 2017 ma è già allineata con gli obiettivi già segnati dall’Unione Europa per il 2021: emissioni in condizioni reali (Real Driving Emissions, RDE), inferiori a 1,5 volte le emissioni omologate. Rispetto al 1.6 BluHDi 120 questo motore dimostra una sonorità e vibrazioni inferiori. È un motore molto progressivo e con una buona spinta già a partire dai 1.750 giri.

Filtro anti particolato per il 1.2 PureTech 130 – Il piccolo tre cilindri 1.2 Pure Tech continua ad essere una delle migliori opzioni della gamma 308. Ed ora è più pulito che mai grazie all’adozione del filtro anti-particolato per i gas di scarico. Il che lo rende compatibile con le norme Euro 6c che entreranno in vigore a partire da settembre di quest’anno. Integrato nel collettore di scarico, riduce le emissione fino ad un 75% ed è accompagnato da un nuovo catalizzatore e da un nuovo sensore per l’ossigeno che garantiscono un controllo ottimale della combustione. Ma il 1.2 tre cilindri a benzina è dotato anche di un nuovo turbocompressore, di una nuova valvola EGR e di un sistema di iniezione con pressione a 250 bar. Il tutto con consumi migliorati del 4%. Rinnovato anche il cambio manuale a 6 marce (BVM6) abbinato esclusivamente a questa motorizzazione.

Nuovi sistemi di assistenza attiva alla guida con il pacchetto Advanced Driver Assistance Systems

Tanto per cominciare tutte le nuove 308 avranno di serie il sistema di frenata automatica d’emergenza e l’avviso di cambio involontario di corsia. La novità principale riguarda però l’arrivo del cruise control adattivo che funziona tra i 30 e i 180 km/h (fino all’arresto dell’auto nel caso della trasmissione automatica EAT8) e mantiene automaticamente la distanza con il veicolo che la precede. Altra funzione in arrivo è il riconoscimento della segnaletica stradale con regolazione automatica della velocità nel caso della doppia pressione del tasto MEM da parte del guidatore e non mancherà neanche il sistema di allerta dell’angolo morto, attivo tra i 12 e i 140 km/h.

La nuova Peugeot 308 arriverà sul mercato italiano a metà settembre con sei diversi allestimenti: Access, Active, Allure, GT Line, GT e GTi. I prezzi sono ancora da definire.

Foto

Peugeot 308

La compatta del Leone. Fotografie, allestimenti e motorizzazioni