Audi A6 Avant Retro
  • pubblicato il 16-09-2011

Audi A6 Avant: l’elettronica guida la sesta generazione

di Stefano Cossetti

L’elettronica guida la sesta generazione

IN BREVE
     
Comfort
I viaggi sono davvero da auto del segmento premium. Si avverte un po’ di rotolamento.
     
Costi
Il prezzo base sale di molto perché tutti i dispositivi più moderni (tranne lo stop e start) sono optional.
     
Piacere di guida
Nonostante le dimensioni, sterzo, assetto, freni e telaio rendono la guida molto piacevole.
     
Ambiente
La Casa annuncia una riduzione dei consumi del 21% rispetto al modello precedente.

Fino a pochi anni fa era impensabile, persino sulle ammiraglie, ora è realtà. L’elettronica ha invaso l’auto. La nuova Audi A6 Avant, giunta alla sesta generazione, non si sottrae alle logiche tecnologiche e si presenta piena di congegni a controllo elettronico che fanno davvero di tutto. Francoforte e dintorni sono stati lo scenario del nostro primo test con la familiare di lusso tedesca, sfruttando anche qualche tratto di autostrada senza limiti di velocità, utile per saggiare le doti di velocità della nuova A6 Avant, che abbiamo scelto nella versione 2.0 TDI da 177 CV.

La soluzione è un giusto compromesso fra potenza e coppia, assistita da un cambio multitronic rimappato, la cui “cascata” di rapporti (sono 8) ben si adatta a qualsiasi condizione di traffico o tipo di strada. I cerchi in lega d’alluminio da 19” (optional) si sono prestati a garantire direzionalità e precisione, favoriti dal nuovo servosterzo elettro-meccanico, sul quale agisce la soluzione “sport” del cambio per renderlo più diretto e immediato nella guida dinamica.

A dispetto delle dimensioni che non sono variate, l’abitabilità interna è ulteriormente migliorata grazie all’avanzamento di 71 millimetri dell’asse anteriore, a vantaggio delle gambe degli occupanti. Inoltre, il bagagliaio migliora di 20 litri la sua capacità massima e diventa accessibile con un movimento del piede (una specie di calcio a vuoto sotto lo scudo posteriore): tenendo la chiave in tasca o nella borsa, il portellone si alza automaticamente. Si tratta di uno dei tanti optional previsti. Molti altri riguardano l’assistenza alla guida per migliorare gli standard di sicurezza e la connettività a Internet.

Per avere tutto questo, il prezzo si alza, ma non sembra un limite: nei primi sei mesi del 2011 Audi in Italia ha venduto il 6,6% in più rispetto al 2010, nonostante il mercato faccia segnare un -13%. La nuova Avant sarà disponibile da settembre con queste motorizzazioni: 2.8 FSI da 204 CV con cambio manuale, multitronic o trazione quattro con S Tronic. Inoltre, ci sarà una TFSI 3 litri, quattro, S Tronic, da 300 CV. Sul fronte del diesel, 2.0 o 3.0, con potenze che vanno da 177 a 245 CV (cambio manuale, multitronic o S tronic). In un secondo momento arriverà il nuovo 3.0 TDI biturbo, con trazione integrale e cambio S Tronic da 313 CV. Per chi ama le emozioni forti.

SCHEDA TECNICA
  • N. cilindri/cilindrata
    4/1.968 cc
  • Potenza
    130 kW/177 CV a 4.200 giri
  • Coppia
    380 Nm a 1.750 giri
  • Cambio
    automatico CVT
  • Trazione
    anteriore
  • Velocità max
    216 km/h
  • Acc. 0-100 km/h
    8,5 secondi
  • Consumo misto
    19,6 km/l
  • Emissioni CO2
    135 g/km
  • Dimensioni
    4,92/1,87/1,46 m
  • Bagagliaio
    565/1680 dm3
  • Bollo
    374,10 euro
IDENTIKIT
Audi A6 Avant: l’elettronica guida la sesta generazione

L'opinione dei lettori