Audi SQ5 TDI - Frontale
  • pubblicato il 27-09-2012

Audi SQ5: quando la suv va di fretta

di Adriano Tosi

Quando la suv va di fretta

IN BREVE
     
Comfort
In modalità Auto, le sospensioni sono morbide e il motore non supera quasi mai i 2.500 giri.
     
Costi
Esclusiva nel prezzo - 62.850 euro - e nei costi di gestione: quasi 1.500 euro di bollo all’anno.
     
Piacere di guida
Selezionando Sport, la SQ5 va forte e offre un feeling sorprendente.
     
Ambiente
Quasi due tonnellate, oltre 300 CV e 4WD: non si possono pretendere miracoli nelle emissioni.

S più Q, una strana coppia.

Nella terminologia della Casa di Ingolstadt, la prima lettera identifica i modelli più sportivi, la seconda le SUV.

Cosa ci fanno insieme? Quello che ci fa la M accanto alle X (5 e 6) di BMW e le tre lettere AMG accanto a G, ML e GL in casa Mercedes.

Ovvero, prestazioni monstre a qualche centimetro in più del solito dall’asfalto. Le analogie con BMW e Mercedes, però, finiscono qui.

Innanzitutto perché Audi ha scelto un diesel per la più potente della gamma (la prima S a gasolio).

Poi, perché BMW e Mercedes hanno incattivito i modelli più grandi, mentre a Ingolstadt hanno iniziato con la media Q5.

A dare verve a questa tedesca provvede il motore 3.0 biturbo da 313 CV.

Un propulsore di cui tutto si direbbe, tranne che è a gasolio.

A partire dalla sonorità.

Sì, quei perfezionisti dei tedeschi hanno pensato anche a questo e, grazie a un dispositivo posizionato nello scarico, riescono a far suonare un 6 cilindri a V turbodiesel come un V8 a benzina, selezionando la modalità Dynamic dell’Audi Drive Select.

Impressionanti sono anche le prestazioni: la velocità massima è autolimitata a 250 km/h, mentre lo scatto da 0 a 100 km/h è di soli 5,1 secondi.

Il tutto, per una richiesta di carburante che non supera i 7,2 litri per 100 km, secondo i dati dichiarati dalla Casa.

Al di là dei freddi numeri, quello che impressiona del propulsore tedesco è la reattività di risposta in qualsiasi condizione: a 1.000 come a 3.000 giri, in terza come in sesta marcia, basta dare gas perché la schiena affondi nel sedile.

Un crescendo entusiasmante che si arresta solo poco prima dei 5.000 giri, quando il Tiptronic a 8 rapporti passa in un attimo al rapporto successivo.

E non si pensi che tutte le cambiate siano uguali: in Dynamic sono volutamente più brusche, per poi tornare morbide (oltre che effettuate a regimi contenuti) in modalità Comfort.

Anche le sospensioni danno la risposta che si preferisce: di solito offrono lo smorzamento tipico delle Audi “normali”, per poi irrigidirsi quando si opta per Dynamic.

Così impostata, la SQ5 sfoggia un’agilità insospettabile, è incollata all’asfalto e piatta sulle quattro ruote, con la trazione integrale che non mostra il minimo tentennamento nello scaricare sull’asfalto i 650 Nm di coppia dello straripante propulsore.

Lo sterzo, svelto e sensibile persino ai piccoli angoli, regala un buon feeling con le ruote anteriori.

SCHEDA TECNICA
  • N. cilindri/cilindrata
    6 a V/2.967 cc
  • Potenza
    230 kW/313 CV
  • Coppia
    650 Nm a 1.450-2.800 giri
  • Cambio
    automatico a 8 rapporti
  • Trazione
    integrale
  • Velocità max
    250 km/h
  • Acc. 0-100 km/h
    5,1 secondi
  • Consumo misto
    13,9 km/l
  • Emissioni CO2
    n.d.
  • Dimensioni
    4,63/1,89/1,65 m
  • Bagagliaio
    540/1.560 dm3
  • Bollo
    1.486,95 euro
IDENTIKIT
Audi SQ5: quando la suv va di fretta

L'opinione dei lettori