Hyundai i20 Tre quarti anteriore
  • pubblicato il 09-07-2012

Hyundai i20: primeggia in comfort e sicurezza

di Alessandro Pasi

Primeggia in comfort e sicurezza

IN BREVE
     
Comfort
Difficile trovare un’utilitaria meglio disegnata all’interno. Bene le sospensioni.
     
Costi
Il prezzo d’attacco con il 1.2 a benzina è poco sopra gli 11 mila euro. La versione top sfiora i 15 mila. Bene.
     
Piacere di guida
Le prestazioni non sono il suo forte. Una vettura equilibrata e che perdona gli errori grazie all’Esp.
     
Ambiente
La versione BlueDrive con Stop&start e 1.1 diesel scende a 84 gr/km di C02. Un vero record!

Non tutti i costruttori piangono.

I coreani sono tra i pochi che sorridono.

Certo, all’orientale, cioè con alzate degli angoli della bocca appena accennate.

Ma ne hanno buon diritto: mentre l’industria europea si interroga su quali stabilimenti chiudere, loro ne aprono di nuovi, aggiungono linee, per soddisfare una domanda crescente.

Com’è il caso della i20, arrivata senza troppo clamore ed ora quasi nella top ten delle utilitarie.

Un’auto che si presenta adesso in una nuova veste estetica, nettamente meno anonima, grazie all’intervento del centro stile europeo di Hyundai.

La i20 ha un frontale completamente ridisegnato (nuovi il cofano, il fascione anteriore e i fari), ha subito piccoli interventi sulle luci posteriori e significativi miglioramenti all’interno, dove la plancia utilizza ora nuovi materiali, con plastiche morbide e accoppiamenti tra le superfici senza fessure o scalini.

Perché il segnale che i coreani vogliono dare - riuscendoci - è che è finita l’era delle vetture a buon prezzo ma di qualità appena accettabile.

A un prezzo che resta molto concorrenziale corrispondono auto che poco o nulla hanno da invidiare alla miglior produzione europea, blasone del marchio a parte.

Tanto che, oltre ai cinque anni di garanzia, la Hyundai pure sulla i20 dà di serie l’ESP su tutta la gamma e, sempre in tema di sicurezza, sbandiera le cinque stelle ottenute al crash test EuroNcap, il massimo.

A chi infine, come Sergio Marchionne, ad del gruppo Fiat-Chrysler, insinua che i coreani sono avvantaggiati da un accordo che ha tolto i dazi dalle importazioni dal Paese asiatico (il Free Trade Agreement), loro impassibili rispondono che il 90% delle auto vendute in Italia non arriva dalla Corea.

Com’è il caso della i20, prodotta nella versiona a cinque porte in Turchia e in quella a tre in India. E proprio sulle malmesse strade turche abbiamo potuto assaggiare le qualità della i20.

Che si conferma una vettura solida, con un buon apparato di sospensioni capaci di assorbire i continui scarti di asfalto e di terra che abbiamo incontrato. Pochi scricchiolii, giusto sullo sterrato più inverecondo.

L’auto poi si disimpegna bene grazie ai nuovi motori.

In gamma, quello più innovativo è senza dubbio il piccolo turbodiesel 1.1, un po’ rumoroso al minimo, ma capace di buone riprese, accelerazioni più che decenti (data la minima cubatura) ma soprattutto con consumi tra i più contenuti al mondo: anche nel traffico più caotico la nostra media è stata superiore ai 20 km/l.

Un motore che può essere una vera alternativa al turbodiesel 1.4, più potente (90 CV) ma meno brillante.

Per quanto la si possa guidare in modo semisportivo, alle prime curve e controcurve si capisce che la i20 è auto votata al relax, alla guida serena.

Un’attitudine sorretta da un comfort lusinghiero, anche in cinque persone: lo spazio posteriore è, per le dimensioni esterne, davvero tanto, ben sfruttato e senza togliere troppo a un baule che mantiene una discreta capacità di carico, sufficiente se si viaggia in tre.

La versione più richiesta? Il top, la Sound Edition, con di serie il sistema multimedia Pioneer, con navigatore, radio-CD e Bluetooth.

SCHEDA TECNICA
  • N. cilindri/cilindrata
    1.120 cc
  • Potenza
    55 kW/75 CV a 4.000 giri
  • Coppia
    180 Nm a 2.500 giri
  • Cambio
    manuale a 6 marce
  • Trazione
    anteriore
  • Velocità max
    160 km/h
  • Acc. 0-100 km/h
    15,7 secondi
  • Consumo misto
    27 km/l
  • Emissioni CO2
    93 g/km
  • Dimensioni
    3,99/1,71/1,49 m
  • Bagagliaio
    295/1.060 dm3
  • Bollo
    141 euro
IDENTIKIT
Hyundai i20: primeggia in comfort e sicurezza

L'opinione dei lettori